Tutte 728×90
Tutte 728×90

De Angelis si conferma bomber vero. Ecco chi sono gli altri cecchini del girone B

De Angelis si conferma bomber vero. Ecco chi sono gli altri cecchini del girone B

Attenzione a Dimas Goncalves del Teramo (che piaceva a Totti) e all’esperto Tranchitella del Castel Rigone. Diverse delusioni: Baclet della Casertana mai a segno come Masini e Di Nardo dell’Ischia. Corona invece non tramonta.
de angelis esultaGianluca De Angelis vuole la vetta della classifica marcatori (foto mannarino)
La classifica dei bomber non sbaglia mai. Se un calciatore è abituato a metterla dentro, non esiste categoria dove incontri difficoltà. Dopo cinque giornate è Gianluca De Angelis a tenere alta la bandiera del Cosenza in questa speciale graduatoria che a fine stagione premierà il cecchino più preciso. L’attaccante dei rossoblù ha fatto centro in tre occasioni, un bottino senza dubbio eccezionale se si considera i minuti giocati: appena 216. La media per l’attaccante di Castellammare di Stabia parla chiaro: segna ogni 72 minuti. C’è, tuttavia, chi finora ha fatto meglio potendo contare sullo status di titolare inamovibile della propria squadra. E’ il caso del brasiliano 29enne del Teramo Dimas Goncalves che la butta dentro da quattro gare consecutive. La sua storia è interessante perché, arrivato in Italia giovanissimo, fece un provino con la Roma. Francesco Totti lo vide giocare e, stupito dai suoi numeri, gli disse “tu sei forte”. Ha trovato la maturità negli ultimi tornei, stabilizzandosi sui 14-15 gol a stagione in Seconda divisione con le maglie del Borgo a Buggiano e del Montichiari. Precedentemente in D ne fece 22 con la Sanbonifacese. Adesso sta regalando perle su perle agli abruzzesi che volano verso la Lega Pro unica. In vetta alla classifica cannonieri c’è anche Pasquale Maiorino che non è affatto un centravanti classico. E’ un giocatore alla Biccio Arcidiacono, un’ala che ti spacca la partita e che ha scelto di mettersi in discussione scendendo dalla Serie B in quella che una volta era la C2. Che abbia un passo differente se n’è accorto anche il Cosenza, annichilito dall’esterno tarantino nella notte del San Vito. La tifoseria del Sorrento è ai suoi piedi dopo il poker calato in questo avvio di stagione: rigore ad Aprilia, doppietta in casa con il Poggibonsi (rapida azione in area, parabola nel sette sul palo lungo) e destro velenoso ad Aversa. Maiorino ha già battuto il suo record personale di marcature. Ad Aversa intanto è rinato Luca Orlando. Quando nel 2011 a Pagani segnò 18 reti a soli 21 anni, si pensava che fosse sbocciato un fiore, invece la stagione scorsa arrancò e non poco. Adesso una nuova ribalta grazie alle sue qualità di punta rapida e sgusciante e micidiale sotto porta. Se a Foggia non segna Giovanni Cavallaro (un centrocampista) non segna nessuno, mentre Pietro Tranchitella del Castel Rigone (club a cui ha regalato la prima storica promozione in Seconda divisione) sta dimostrando che i gol, dopo averne realizzati più di 100 in carriera, li fa anche a 34 anni tra i professionisti. Ha liquidato il Messina con una doppietta subentrando dalla panchina e prima ancora aveva bucato il portiere del Chieti. Sabato il Cosenza è avvertito. Domenico Zampaglione della Vigor tra i prof non si è mai dimostrato infallibile come in Serie D dove viaggia a medie spaventose di 25 centri a campionato, ma l’aria di alta classifica giova pure a lui: tre gol di cui uno su rigore. Non mancano, infine, nel girone B della Seconda divisione cocenti delusioni. Nonostante il Messina navighi in brutte acque, Giorgio Corona è l’unico a salvarsi e le sue due marcature pesano come macigni. Pessimo il cammino di Roberto Chiaria, di cui non si ricordano nemmeno tiri in porta. Cosa dovrebbe dire l’Ischia? Paga a peso d’oro Gerardo Masini e Antonio Di Nardo (sceso dalla B) senza che questi abbiano mai battuto il pipelet avversario. Stesso discorso per Allan Pierre Baclet (ex Novara tra i cadetti) della Casertana, spesso evanescente e fuori dal gioco, e per Francesco Ripa dell’Arzanese, lontano anni luce dal bomber apprezzato con la maglia del Sorrento. Sufficiente il rendimento di Manuel Nocciolini del Gavorrano, il Cosenza aspetta i timbri del suo capitano Manolo Mosciaro. (Luigi Brasi)

La classifica marcatori:
4 GOL:
Orlando (Aversa Normanna), Maiorino (Sorrento; 1 rigore) Dimas (Teramo; 1 rig.)
3 GOL:
Tranchitella (Castel Rigone) Cavallaro (Foggia; 2 rig.) De Angelis (Cosenza; 1 rig.), Zampaglione (Vigor Lamezia; 1 rig.)
2 GOL:
D’Anna (Aprilia), Montella (Aprilia), Porcaro (Aversa Normanna), Mancino (Casertana), Nocciolini (Gavorrano) Ricciardo (Melfi; 1 rig.), Tortori (Melfi; 1 rig.), Corona (Messina), Civilleri (Poggibonsi), Catania (Sorrento), Lettieri (Sorrento), Del Sante (Vigor Lamezia)

Related posts