Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, bene Cosenza nella terza gara amichevole

Pallavolo, bene Cosenza nella terza gara amichevole

La DeSetaCasa Conad Vena si aggiudica il derby contro la Rutigliano Lamezia per 3-1 mettendo in risalto già una buona condizione atletica in visto dell’inizio di campionato.
cosenza allenamentoGli atleti rossoblù durante un time-out nell’amichevole contro Lamezia
È andata in scena al PalaFerraro la terza amichevole di pre-season per la squadra rossoblù guidata da coach Fabrizio Marano. È ancora derby ma, stavolta, a differenza delle ultime due uscite contro Cinquefrondi e Corigliano, dall’altra parte della rete c’era l’altra compagine calabrese partecipante al campionato di serie B1 girone C, la Rutigliano Group Lamezia di mister Rigano, team con importanti ambizioni di classifica. Un test, dunque, molto probante in cui nessuna delle due squadre ha voluto sfigurare o cedere facilmente le armi. È pur vero però che, all’esito della prestazione, Lamezia paga un evidente ritardo di condizione e l’assenza di un opposto di categoria. Ad ogni modo, oltre al risultato, sono emerse varie ed importanti indicazioni per coach Marano: la condizione fisica è salita notevolmente di livello ed i cambi avvenuti in corso d’opera hanno fatto letteralmente la differenza, sintomatico di un gruppo “in palla”. Con ciò il mister può contare sull’ affidabilità da parte di tutti avendo così un ventaglio di opzioni tattiche variegato. CRONACA. Cosenza è partita con la diagonale composta da Illuzzi in cabina di regia e DiFino opposto, Testagrossa e Smiriglia centrali, Lotito e Astarita laterali, De Marco libero; mentre la Rutigliano Lamezia di coach Giampiero Rigano ha risposto con Laterza al palleggio e Andriano opposto, Cuccaro e Muccio centrali, Capra e Piccioni laterali, Bisci libero. Il primo parziale è andato in favore dei lametini per 25-27: i rossoblù hanno palesato in avvio qualche difficoltà in difesa frutto di poca concentrazione. Una volta risvegliatasi dal torpore iniziale ha risposto prepotentemente nel secondo set (25-20): l’entrata di Garofalo al posto di Astarita ha cambiato le carte in tavola. È salito il livello della ricezione e del servizio ed il ritmo è aumentato. Bene il muro-difesa con Testagrossa sugli scudi. Il terzo set (25-12) è un trionfo dei padroni di casa che hanno colpito l’avversario alla giugulare: l’entrata di Spadafora al posto di Smiriglia e , poi, di Bonante al posto di Illluzzi nella fase finale del set hanno disorientato gli avversari permettendo a Cosenza di piazzare l’allungo decisivo. Nel quarto ed ultimo set (25-22) coach Marano ha dato spazio,poi, a tutti gli altri provando un quintetto sperimentale con doppio libero. Ma la musica non è cambiata affatto. 3-1 finale e la DeSetaCasa Conad Vena porta a casa il derby, un’ottima prestazione ed una importante iniezione di fiducia che, in quanto a morale e prospettiva, permette di lavorare con maggiore serenità.

Related posts