Tutte 728×90
Tutte 728×90

Carrieri è pronto: “Ma quale fortuna, il Cosenza è forte”

Carrieri è pronto: “Ma quale fortuna, il Cosenza è forte”

Il difensore centrale si è ristabilito dall’infortunio alla caviglia che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per quasi un mese. “Lavoriamo tantissimo e i frutti si vedono”.
carrieri e frattalia ad ischiaCICarrieri nel match di Ischia, disputato ad agosto in Coppa, partì titolare (foto shartella)
Dopo oltre un mese di stop per una distorsione alla caviglia, torna a disposizione di Cappellacci il centrale di difesa Gaetano Carrieri, classe 1988 ed ex di Manfredonia, Varese e Nocerina: per lui una gara da titolare in Coppa Italia ad Ischia e qualche minuto nell’esordio in campionato col Tuttocuoio. Si tratta di un’altra freccia all’arco del mister che in settimana avrà ancora il tempo di testarne la tenuta atletica e valutare quindi se ci esistono o meno le condizioni per poterlo candidare ad una maglia da titolare contro l’Aversa Normanna. Fino ad oggi spettatore dalla tribuna del campionato dei suoi compagni, non ci sta a dare alla fortuna il ruolo predominante nella conquista del vertice: “Non mi piace definire la mia squadra baciata dalla dea bendata, mi piace di più descriverla come una squadra che lotta fino alla fine senza darsi mai per vinta. Abbiamo lottato sempre, anche quando ormai i giochi sembravano fatti. Se abbiamo conquistato i tre punti non lo dobbiamo ad una sorte compiacente, ma alla tenacia con cui li abbiamo cercati e voluti. Ho delle sensazioni positive rispetto a questa squadra, rispetto al gruppo, allo spogliatoio e al lavoro che stiamo svolgendo e credo sia questa ad oggi la differenza rispetto alle altre”. Carrieri è rimasto favorevolmente impressionato dalla metodologia di lavoro di Cappellacci. “È dal ritiro che stiamo sgobbando, ci stiamo allenando tantissimo, siamo tutti molto concentrati nel seguire il mister e sebbene i risultati migliori ancora non siano arrivati, almeno sotto l’aspetto della trama di gioco, stiamo compensando in carattere e volontà. In Campania ci aspetta un’altra battaglia, loro sono tosti, è tosto l’ambiente, è una compagine che nonostante sia ottava ha grandi doti soprattutto in attacco e dovremo essere bravi a fare ancora il nostro gioco, ad imporre i nostri tempi”. (Mariella Lonoce)

Related posts