Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cappelacci non si abbatte: “La squadra sta un po’ meglio”

Cappelacci non si abbatte: “La squadra sta un po’ meglio”

Intanto il Cosenza ha chiesto alla Lega Pro di poter giocare col lutto al braccio per partecipare al dolore dei due giovani tifosi scomparsi ieri mattina in un tragico incidente nel centro città. 
capp indica melfiL’allenatore del Cosenza Roberto Cappellacci domenica scorsa contro il Melfi (foto mannrino)
Cappellacci sembra tranquillo e rilassato in viso, ma, a differenza di sette giorni fa, stavolta non svela nulla sull’undici che domani affronterà l’Aversa Normanna. “Non chiedetemi la formazione: oggi non ve la do – scherza il tecnico – non ho ancora sciolto gli ultimi ballottaggi anche se potrebbe esserci qualche novità”. Quella più grossa riguarda il modulo di gioco che dal 4-2-3-1 dovrebbe passare al 4-3-3 con cui ha fatto faville nella passata esperienza di Teramo. Mosciaro ed uno tra Alessandro e Criaco agiranno ai lati di De Angelis, con Bigoni spostato in mediana a fare la mezzala destra. “Se cambio schema? I numeri sono relativi, quello che conta è l’atteggiamento dei calciatori ed ho visto che la squadra sta un po’ meglio”. La settimana è stata caratterizzata dagli infortuni e molte pedine non sono al top della condizione, non ultimo Napolano che oggi non si è allenato ed è quello messo peggio. “Ha svolto terapia, ma verrà con noi ad Aversa. Gli altri stanno bene. Siamo in pochi a centrocampo? Non prendetela come una critica alla società perché non lo è, ma abbiamo preferito impostare un mercato sulle ali”. L’Aversa Normanna ha utilizzato di solito un 4-4-2, dove Di Vicino agisce alle spalle dell’unico attaccante, ma Di Costanzo ha detto che potrebbe riservare sorprese al Cosenza. “In tutta onestà non so se continueranno ad adottare il 4-4-2, io so solo che è una squadra che avrà voglia di vendicare il ko di domenica scorsa. A Chieti, sebbene i padroni di casa fossero in inferiorità numerica, i campani non meritavano di perdere ed hanno imbastito diverse azioni pericolose”.
LUTTO.
Il Cosenza Calcio partecipa commosso al dolore delle famiglie e dell’intera città per la tragica e prematura scomparsa di Salvatore Candido e Salvatore Altomare, i due ragazzi di 19 e 20 anni che hanno perso la vita in un drammatico incidente stradale su viale Cosmai la notte scorsa. Salvatore Candido e Salvatore Altomare erano vicinissimi ai colori rossoblu sia da giovani calciatori che da tifosi ed erano molto popolari tra tutti coloro che seguono attivamente le vicende del Cosenza Calcio. La società ha chiesto alla Lega Pro di poter giocare con il lutto al braccio nella partita di domani ad Aversa. Venerdì prossimo, prima della gara al San Vito contro il Foggia, sarà osservato un minuto di raccoglimento. Un minuto di raccoglimento sarà osservato anche oggi pomeriggio prima dell’inizio della gara della Berretti del Cosenza Calcio contro la Vigor Lamezia. (Luca Sini)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it