Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pollina rescinde col Cosenza. “Ringrazio la città, in primis semplici tifosi e ultras”

Pollina rescinde col Cosenza. “Ringrazio la città, in primis semplici tifosi e ultras”

Il giovane attaccante rossoblù ha deciso a malincuore di interrompere il suo rapporto con i Lupi. Vuole tentare di trovare maggiore spazio altrove. Oggi sarebbe tornato a casa in Belgio.
pollina primo giornoIl promettente attaccante di origini belga non fa più parte del clan rossoblù (foto mannarino)
La settimana dei rossoblù inizia con una notizia di mercato. Nessun colpo in entrata, ma un movimento in uscita. Julian Pollina (19) non è più un calciatore del Cosenza dopo aver rescisso il contratto che lo legava al club di Via degli Stadi. Per questa motivazione ieri pomeriggio non era al Sanvitino alla ripresa degli allenamenti. E’ stata una decisione del giovane talento ex Ribera scegliere a malincuore di lasciare il San Vito per tentare di trovare maggiore spazio altrove. Attaccante di belle speranze, in squadra era chiuso da De Angelis, Mosciaro, Calderini, Napolano e Alessandro. In otto partite ha totalizzato una manciata di minuti all’esordio col Tuttocuoio, quando nel recupero ha rilevato proprio Calderini. Pollina sarebbe partito in giornata per far ritorno a casa in Belgio, ma prima ha inteso mandare un messaggio alla città. “Ringrazio Cosenza con tutto il cuore per l’affetto che mi ha dato. Spero che un giorno possa ringraziare semplici tifosi e ultras per il loro incoraggiamento costante e quotidiano. Mi dispiace andare via così perché mi trovavo benissimo sia con la gente, che con i compagni. Però ho preso questa decisione per tentare di poter giocare di più. Ciò non mi impedisce di continuare a tifare per i rossoblù a partire già da venerdì quando al Sal Vito arriverà il Foggia. Forza Lupi… sempre”. Per quanto riguarda le operazioni in entrata, si lavora per ottenere il transfert internazionale di Felipe Aguai (22) che continua ad allenarsi coi compagni. Il Cosenza deve regolarizzare la sua posizione e quello del laterale carioca per poterlo tesserare ufficialmente. (Luigi Brasi)

Related posts