Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, Cosenza in scioltezza sulla Fusion Lamezia (3-1)

Pallavolo, Cosenza in scioltezza sulla Fusion Lamezia (3-1)

Gli uomini di coach Marano superano senza problemi l’ostacolo-derby e viaggiano a punteggio pieno in classifica dopo aver osservato un turno di riposo sette giorni fa.
abbraccio volleyI ragazzi del volley festeggiano il secondo successo in campionato (foto Cosenza Pallavolo)
Seconda vittoria stagionale su due gare per la DeSetaCasa Conad Vena Cosenza che ancora una volta conquista l’intera posta in palio e vola a sei punti in classifica. Stavolta, però , la vittoria ha un sapore particolare perché ottenuta nel derby contro la Fusion Volley Lamezia dopo una partita tiratissima. Nonostante i notori problemi societari i gialloblù di coach Rigano hanno dimostrato di essere una squadra rognosa e combattiva che per lunghi tratti ha messo in difficoltà gli uomini di coach Marano (la diagonale composta da Cimino e Laterza su tutti). Un match bellissimo ed intenso conclusosi con un boato del pubblico al muro punto di Illuzzi che ha chiuso i conti. Cosenza ha giocato discretamente, dopo un primo set vinto in scioltezza ha subìto una clamorosa debacle nel secondo per poi riprendersi negli altri due set. Emozionante l’ultimo set terminato al fotofinish per 25-23. Grande prestazione offensiva della coppia Di Fino (18pt) e Lotito (19pt) che hanno trascinato la squadra rossoblù nei momenti salienti del match. Ora, prossima gara a Potenza contro la Virtus di mister Nacci. Infine, menzione particolare per la grande e bellissima cornice di pubblico che ha rappresentato il vero quid pluris del derby: si respirava chiaramente aria da….serie A. Ma non gridiamo troppo, potrebbero sentirci. CRONACA. Va in scena il derby tutto calabrese in un “PalaFerraro” stracolmo tra Cosenza e Lamezia. Marano conferma il sestetto iniziale proposto sin d’ora: diagonale composta da Illuzzi in cabina di regia e Di Fino opposto; Smiriglia e Testagrossa al centro; Lotito ed Astarita di banda a martellare la difesa lametina; De Marco libero. Assente ancora, il solo, Spadafora per un infortunio patito nell’amichevole contro Corigliano. Formazione obbligata attesa l’esiguità del roster per coach Rigano che stavolta ha un giocatore in più, il centrale Calabrò. Dunque, Laterza al palleggio in diagonale con Cimino ; Piccioni e Capra laterali ; Cuccaro ed il neo acquisto Calabrò al centro; Bisci libero. Apre il match Cuccaro con un primo tempo, ma risponde altrettanto Smiriglia. Di Fino piazza il primo allungo del set con un ace. Qualche errore di troppo in fase offensiva ma è comunque Cosenza a mettere il muso avanti al primo t.o. tecnico per 8-6. I rossoblù mantengono i due punti di vantaggio ed allungano ancora con Di Fino al servizio costringendo Rigano al primo t.o. sul 12-8. La striscia continua fino al 15-9: è nettamente la squadra di casa a fare la partita (16-9 al secondo t.o. tecnico). Bisci soffre in ricezione e Cosenza ne approfitta con un Di Fino inarrestabile. Sul 19-11 altro t.o. per la Fusion. Il set prosegue per inerzia fino al 25- 15 .DiFino e Astarita sugli scudi. Cosenza è avanti per 1-0. Nel secondo parziale Lamezia parte con un piglio diverso giocando punto a punto con il team bruzio. Qualche errore di troppo dei rossoblù consente a Lamezia di chiudere avanti il primo t.o. tecnico (6-8). Cosenza va in bambola e sul 6-10 Marano è costretto a chiamare time out. Entra Garofalo al posto di Astarita e va subito a punti. L’interruzione non sortisce gli effetti sperati, 11-16 al secondo t.o. con Lamezia in netta ripresa. I gialloblù tengono bene dietro e conducono per 15-19 al time out chiamato proprio dai cugini lametini. Sul 15-21 entra Bonante al posto di Illuzzi. Il secondo set sorride alla Fusion 17- 25. Male la DeSetaCasa Conad Vena. 1-1. Il terzo set parte ancora in perfetto equilibrio tra le due compagini calabresi. Ma è la DeSetaCasa Conad Vena ad andare avanti al primo t.o. tecnico recuperando due punti di svantaggio (8-7). Entra Davoli al servizio per la Fusion Volley sull’ 11-10. Secondo t.o. tecnico sorride ancora per Cosenza (16-13). Un muro di Garofalo ed un ‘mani e fuori’ di Di Fino incrementano il vantaggio sul 18-13. A Cimino (il migliore degli ospiti) risponde Lotito due volte per il 21-16. Ancora Lotito con una pipe in rigiocata consente ai rossoblù di ottenere 6 palle set. Garofalo chiude sul 25-19. Quarto set importantissimo per le due squadre. L’andazzo è sulla falsariga dei due precedenti. Al primo t.o. tecnico è avanti la Fusion (6-8). Qualche errore di troppo in attacco consente a Lamezia di allungare di un punto. Lotito e Di Fino suonano la carica mantenendo a galla i rossoblù. La verve degli uomini di Marano mette in seria difficoltà la Fusion , cartellino giallo per gli ospiti (13-14) e partita su un filo di tensione. Lotito si fa murare da Cuccaro dopo uno scambio lunghissimo ed intenso. Due muri di Testagrossa e Lotito riportano la partita in perfetta parità. 15- 16 alla seconda pausa. Muro punto di Illuzzi e coach Rigano è costretto a chiamare t.o. sul 18-16. Errore di Laterza al servizio ed Illuzzi di seconda consolidano il vantaggio 21-18. Un muro di Cuccaro ed un errore di DeMarco riportano i gialloblù in parità sul 22-22. Partita tesissima sul 23-22 , dopo un punto di Lotito, Rigano chiama a raccolta i suoi. Piccioni pareggia di nuovo ma è ancora Lotito con una bomba da posto 4 a rispondere a tono. Muro di Illuzzi che appone il sigillo alla gara (25-23). Il derby se lo aggiudica la DeSetaCasa Conad Vena Cosenza per 3-1. (Luigi Francesco Grazioli)

Il tabellino:
PALLAVOLO COSENZA-FUSION VOLLEY LAMEZIA 3-1
(25-15;17-25;25-19;25-23)
PALLAVOLO COSENZA: Testagrossa 5 , Di Fino 18, Illuzzi 4 , Lotito 19, Smiriglia 7 , Astarita 6, De Marco (L) , Garofalo 7, Bonante, n.e. Piluso, Pugliatti, Rizzuto (L). All. F.Marano – M.Scaldaferri
Ace (6) ;Errori (12); Muri pt (12) ; Ric.Pos. (64%) ; Ric.Perf. (42%)
FUSION VOLLEY LAMEZIA: Laterza 6, Cuccaro 7, Cimino 16, Piccioni 11, Capra13, Calabrò 1, Bisci (L) , Davoli All. Rigano
Ace (4); Errori (14); Muri pt (6); Ric.Pos. (62%); RicPerf.(33%)
ARBITRI: Stingone Vincenzo e Capolongo Antonio

Related posts