Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Chieti: le pagelle

Cosenza-Chieti: le pagelle

Voti bassi per i rossoblù che perdono il primato e che non sono riusciti ad imbastire un’azione interessante, se non su iniziativa dei singoli. Frattal il migliore, bene Bigoni.
bigoni col chietiBigoni è stato uno dei migliori. Solo Frattali ha preso una pagella più alta (foto mannarino)
Un Cosenza brutto quello visto contro il Chieti che però avrebbe potuto far suoi i tre punti. Attenzione, non che la fortuna abbia abbandonato i rossoblù, anzi. Frattali è stato super come in diverse altre partite, mentre il resto del gruppo è stato insufficiente. Bene Bigoni sia da mezzala che da terzino, mentre in avanti le cose non sono andate per il verso giusto. Molto male Meduri e Palazzi, così come Mannini.
FRATTALI: VOTO 8 Nel primo tempo salva il Cosenza su Guidone, Berardino, Di Filippo e La Selva. Nella ripresa dice di no a Cinque. Che bisogna aggiungere?
PALAZZI: VOTO 5 Prestazione imbarazzante. Berardino lo salta continuamente e va a vuoto anche nelle chiusure apparentemente più semplici. Una giornata da dimenticare, ma ha l’attenuante che non stava male tanto da lasciare il San Vito in ambulanza.
PEPE: VOTO 5 Incerto in qualche disimpegno con Guidone che gli scappa via quando vuole.
GUIDI: VOTO 6 La difesa si regge sulla sua esperienza e sulla fisicità, ma anche lui in alcuni casi fatica sugli inserimenti centrali del Chieti.
MANNINI: VOTO 5 La Selva prima e Cinque dopo trovano spazio dalle sue parti prendendolo d’infilata.
BIGONI: VOTO 6,5 Il migliore del Cosenza. Da mezzala è l’unico che ringhia sulle caviglie degli avversari, da terzino dà maggiore copertura sulla destra.
MEDURI: VOTO 5 Perde un’infinità di palloni per uno che dovrebbe essere il regista della squadra. In alcuni casi innesca il contropiede ospite. Il suo omologo, Borgese, costantemente usciva palla al piede.
GIORDANO: VOTO 5,5 Anche lui sbaglia degli appoggi facili e talvolta anche da distanza ravvicinata. Vince alcuni contrasti importanti salvando parzialmente la sua pagella.
ALESSANDRO: VOTO 5,5 Parte a tutta birra con una serie di accelerazioni che lasciano pregustare una domenica diversa. Esce praticamente subito dalla contesa.
CALDERINI: VOTO 5 Schierato in una posizione non sua, è come un pesce fuor d’acqua quando deve fungere da punto di riferimento per il reparto. Quando invece è libero di svariare, crea situazioni pericolose.
MOSCIARO: VOTO 5,5 Sbaglia un gol facile-facile e compie un passo in dietro rispetto alle ultime uscite. Meglio nella ripresa quando per un lasso di tempo passa in mezzo.
CAPPELLACCI: VOTO 5,5 Stavolta la squadra non lo segue e il suo amico Di Meo fa un figurone. I Lupi peccano nella gestione della palla ed appaiono senza idee. Le uniche folate sono frutto di invenzioni dei singoli.

Subentrati:
CRIACO: VOTO 6 Si inserisce bene negli spazi e trova anche la profondità
DE ANGELIS: VOTO 6 Per poco non fa venire giù il San Vito con un diagonale velenoso
NAPOLANO SV

Related posts