Tutte 728×90
Tutte 728×90

Masi col 4-3-3: “Adotteremo questo modulo sperando in un passo falso del Cosenza”

Masi col 4-3-3: “Adotteremo questo modulo sperando in un passo falso del Cosenza”

Il tecnico del Gavorrano usa il fair-play: “Conosco Cappellacci e lo apprezzo molto. I Lupi in rosa hanno elementi in grado di fare la differenza e Guidi lo conosco fin da ragazzino”.
masi gavorrano3L’allenatore del Gavorrano Marco Masi è subentrato a Gabriele Cioffi
Ha usato la parola sfida Marco Masi, il neo allenatore del Gavorrano, per sintetizzare il suo avvento sulla panchina che ad inizio stagione era di Gabriele Cioffi. Il termine probabilmente più giusto in effetti è proprio questo, considerata la deficitaria posizione in classifica dei toscani e la difficoltà per un gruppo giovane di imporsi in un campionato eccessivamente stimolante. “Ci proviamo – commenta Masi ai microfoni di CosenzaChannel.it – Siamo una squadra giovane che ancora si deve assestare e deve capire il proprio valore: probabilmente a questi ragazzi servirebbe ulteriore tempo che purtroppo non abbiamo in questo campionato, dove 3 punti ogni domenica valgono doppio e dove, in ragione di questo, purtroppo non si può fare differenza tra gara interna ed esterna. Sto tentando di cambiare qualcosa, spero di riuscirci e spero soprattutto di far entrare loro in testa la mia impronta di gioco, il mio messaggio”. Il tecnico toscano poi si sofferma su alcuni dati statistici. “Se notate, in casa questo gruppo ha fatto meglio proprio perchè l’inesperienza li porta a sentirsi più tranquilli nel loro campo. Riescono a costruire meglio, giocare più tranquilli e osare maggiormente che lontano dalle mura amiche dove hanno ancora timore di fare. Io non so se domenica riusciremo a mettere in difficoltà una squadra come il Cosenza, so che faremo di tutto, proveremo a fare noi il gioco, ad imporre il nostro tempo anche se sarà complicato”. Masi sceglie la strada del fair play per parlare dei Lupi e del Capp. “Conosco ed apprezzo molto Roberto Cappellacci, gli riconosco grandi qualità di allenatore, le sue squadre si vede che hanno un lavoro alle spalle e se come quest’anno si ritrova anche grandi individualità in rosa il risultato è fatto. I rossoblù hanno un organico importante, giocatori che nel corso della partita possono cambiare le carte in tavola da un momento all’altro, vedi Mosciaro o Alessandro, ma hanno anche uomini di grande carisma ed esperienza come Guidi che conosco da quando era un ragazzino. Saranno 90 minuti duri per i miei ragazzi, ma sto cambiando qualcosa: preoveremo a sfruttare meglio le caratteristiche dei singoli, probabilmente schiererò il 4-3-3: ci proveremo fino alla fine sperando magari in un passo falso dei Lupi”. (Mariella Lonoce)

Related posts