Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cappelacci: “Affronteremo la squadra migliore del campionato”

Cappelacci: “Affronteremo la squadra migliore del campionato”

Sul match l’incognita del meteo: “Il campo pesante non condizionerà le mie scelte”. In formazione ancora dubbi: in ballo una maglia nel tridente e quella di terzino sinistro.
capp e ianni a gavorrCappellacci e Ianni prima della sfida di Gavorrano sette giorni fa (foto shartella)
Roberto Cappellacci come al solito sceglie un profilo basso con cui approcciarsi al match di domani: “Forse non è la partita giusta per invertire il nostro trend casalingo, ma di certo Cosenza-Ischia sarà un match tra due formazioni importanti, che presentano valori di un certo livello”. Il tecnico rossoblù nella rifinitura aveva gli uomini contati ed anche in virtù di questo non ha risolto i ballottaggi che animano la vigilia della partita. “La formazione potrebbe restare immutata rispetto a sette giorni fa. Non abbiamo 25 calciatori da cui poter attingere, pertanto valuteremo domani mattina se apportare qualche accorgimento in base delle soluzioni a nostra disposizione. Il tempo? Non condizionerà sicuramente le mie scelte perché, ribadisco, non possiamo disporre di un’alternativa tecnica ad una fisica o viceversa”. Frattali difenderà regolarmente i pali rossoblù (“ha avuto un po’ di febbre, ma speriamo di recuperarlo”), mentre per Pepe, De Angelis e Castagnetti non ci sarà niente da fare. Adamo, invece, finirà in panchina. Nella distinta comparirà anche il giovane Francesco Reda, partito ugualmente con la Berretti per Martina Franca. In difesa il primo dubbio da sciogliere, con Palazzi e Mannini a contendersi la maglia di terzino sinistro. Bigoni, Guidi e Blondett completeranno il reparto arretrato. A centrocampo la cerniera Giordano-Meduri-Criaco ha dato ampie garanzie, mentre Napolano e Calderini si giocano una maglia per affiancare Mosciaro e Alessandro nel tridente. “Io ho sempre creduto che Ischia sia una delle migliori formazioni del torneo, se non la migliore. Ha un bravo allenatore e la società ha operato bene dopo aver stravinto in D. Ha ingaggiato calciatori importanti per la categoria ed ha avuto vantaggio di ripartire con lo stesso tecnico e la stessa ossatura. Nonostante abbia vinto qualche partita in meno del previsto ad inizio stagione, il mio giudizio non cambia”. L’undici di Campilongo arriva al San Vito con numeri molto bassi sia per quanto concerne i gol fatti che per quelli subiti. “Non sono affatto attendisti, anzi sono molto solidi e in avanti hanno punte che spesso trovano la soluzione giusta. I numeri hanno senso a fine campionato, perché a torneo in corso sono dettati soltanto da caso”. (Luigi Brasi)

Related posts