Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, Cosenza cerca il riscatto contro Messina

Pallavolo, Cosenza cerca il riscatto contro Messina

La DeSetaCasa Conad Vena aspetta la formazione peloritana per tornare a vincere. Ricaricate le pile dopo la giornata di sosta, la truppa è intenzionata a riportarsi in alto.
cosenza allenamentoUn allenamento della DeSeta Casa Cosenza in previsione del turno di campionato
I numeri nello sport contano, inutile negarlo. Quelli della DeSeta Casa, oltre a convincere, indicano la strada verso un futuro che non può che accrescere le qualità di una rosa pronta ad affermarsi. La sconfitta rimediata contro Pulsano non intacca però il cammino di una squadra solida, che ha le carte giuste per tornare ben presto alla vittoria. Il cammino intrapreso finora è quello giusto. Il terzo posto in classifica non è lo specchio reale del campionato fin qui affrontato, perché Di Fino e soci hanno una gara in meno di Casandrino e della capolista Alessano, battuta in una gara vibrante in cui Cosenza ha dimostrato la sua superiorità. Con una vittoria, quindi, i rossoblu sarebbero ad una sola lunghezza dalla vetta, arrivandoci con lo slancio che nello sport fa spesso la differenza. Dicevamo dei numeri. Le palle messe a terra sono leggermente inferiori a quelle delle altre prime della classe, ma la difesa dà ragione a Marano. Sono solo 425 i palloni caduti nella metà campo di Cosenza, tanti in meno di quelli incassati dalle prime due che sanno bene di avere avversari tosti in terra di Calabria. Anche lo score personale dei giocatori di Cosenza è pesante. Di Fino ha dato vita al miglior inizio di stagione degli ultimi anni e i nuovi innesti stanno dando a Marano i frutti sperati. Inoltre i giovani crescono e iniziano a trovare spazio con un rendimento che impressiona. Il tutto all’insegna di un progetto ben visibile, messo nero su bianco e in campo da un club riconosciuto fra i più puntuali e professionali dell’intera Serie B1. E intanto il terzo posto provvisorio, seppur maturo, regalerebbe la post season a Cosenza. In attesa di capire quale è la vera dimensione di una squadra che non lo dice, ma punta forte al primato. Dopo la pausa che ha fermato il campionato di serie B1 maschile alla luce della ricorrenza dell’Immacolata, Cosenza ritorna sul parquet del “PalaFerraro” più agguerrita che mai e pronta al riscatto. La brutta debacle in terra pugliese contro Pulsano ancora brucia e gli uomini di Marano non hanno avuto modo di rifarsi/sfogarsi dato questo strano campionato spezzettato. Mantenere la continuità in questo campionato è davvero complesso. Ad ogni modo,una sconfitta può starci ma bisogna reagire subito e l’occasione si paventa proprio domenica contro i giallorossi peloritani. La Pallavolo Messina è una squadra giovane che punta alla salvezza e di certo venderà cara la pelle, sottovalutarli sarebbe un errore gravissimo. Non sono ammessi passi falsi: in palio vi sono tre punti fondamentali avvalorati dal turno di riposo che osserverà Casandrino. La squadra rossoblù ne è consapevole e cercherà di ottenere il massimo da questo turno di campionato. Coach Fabrizio Marano sembra orientato a confermare la diagonale composta da Illuzzi in cabina di regia e Di Fino opposto; Smiriglia e Testagrossa (ex della gara) al centro; Lotito e Astarita di banda; De Marco libero.
L’AVVERSARIO. Squadra giovanissima quella a disposizione di coach Flavio Ferrara, zeppa di ragazzi nati tra il ’93 ed il ’96 e con qualche giocatore d’esperienza a fungere da guida. I peloritani non sono la stessa squadra che lo scorso anno lottò per la promozione nonostante i gravi problemi economici, presentandosi , invece, in questa stagione con un roster che punta alla crescita dei giovani. (f. p.)

Related posts