Tutte 728×90
Tutte 728×90

Giovani per il mercato del Cosenza. E Calderini può partire

Giovani per il mercato del Cosenza. E Calderini può partire

Said per l’attacco, Chiavazzo a centrocampo. Il fantasista rossoblù intanto ha informato Cappellacci e Marino della possibilità di andare al Castel Rigone. 
calderini col melfiiCalderini è una valida pedina dell’organico del Cosenza. Che farà a gennaio? (foto mannarino)
Il mercato del Cosenza è già iniziato. Nonostante i problemi che hanno caratterizzato gli ultimi giorni (lampanti a livello giovanile ed ormai anche per la prima squadra), Marino sarà chiamato ad affrontare il mese di gennaio tentando di rinforzare numericamente la rosa di Cappellacci, pur a fronte di alcune cessioni. Il campionato è saldamente nelle mani del Cosenza e il nono posto dista anni luce, motivo questo che lascia tranquillo il dg circa l’accesso alla Lega Pro Unica. A giugno, poi, si tireranno le somme e sarà un’altra estate calda. La notizia dell’interesse del Castel Rigone per Elio Calderini (25) è diventata pubblica, ma lo stesso trequartista non aveva nascosto nulla. Già nella scorsa settimana aveva parlato a Cappellacci e al dg dell’interessante possibilità di trasferirsi in Umbria. E’ considerato un elemento importante dell’organico, ma alla riapertura delle liste potrebbe succedere di tutto. Se fino a qualche giorno fa il nome di Pietro Arcidiacono (25) era quello più accreditato per sostituirlo, Biccio ascolta sempre con attenzione le voci provenienti dal San Vito e non è detto che scelga di lasciare il Vado, sempre più protagonista del campionato e club che gli offrirebbe mari e monti in caso di promozione. Marino ha già parlato con Bega, responsabile del settore giovanile del Genoa, per l’attaccante Said Ahmed Said (20), mentre per il centrocampo fari puntati su Pedro Miguel Costa Ferreira (22) del Messina che però i giallorossi vogliono tenersi stretto. Cappellacci lo stima moltissimo e lo farebbe giostrare da mezzala destra. Sul taccuino di Marino c’è anche Angelo Chiavazzo (20). Il dg lo apprezzò durante Cosenza-Casertanan dello scorso campionato e lo trattò a lungo in estate per allestire una squadra di vertice in D. Dopo il ripescaggio preferì battere altre piste, ma è rimasto in contatto con l’entourage del ragazzo il quale, svincolatosi dall’Agropoli, ora aspetta di trasferirsi tra i professionisti. Potrebbe tornare alla Casertana o finire al Teramo, ma in cima alle sue preferenze c’è proprio il Cosenza. (Luigi Brasi)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it