Tutte 728×90
Tutte 728×90

Alvini: “Impossibile competere col Cosenza e le altre big. Ma Matteini e Colombo…”

Alvini: “Impossibile competere col Cosenza e le altre big. Ma Matteini e Colombo…”

Il tecnico del Tuttocuoio è realista: “Per noi è stata mera sfortuna doverci giocare tutto in una stagione dove retrocedono noce club. Per domenica confido nei miei uomini migliori”.
alvini tuttocuoioL’allenatore del Tuttocuoio Massimiliano Alvini sa che sarà molto dura contro il Cosenza
A pochi giorni dal primo match del 2014, che corrisponde alla prima giornata del girone di ritorno, parla ai microfoni di CosenzaChannel il tecnico del Tuttocuoio Massimiliano Alvini, prossimo avversario degli uomini di Cappellacci. Il trainer dei neroverdi viaggia con i piedi ben piantati per terra e conscio che il campionato dei suoi continuerà ad essere duro e difficile come molte altre squadre del proprio calibro: “Dalla partita di domenica prossima, sebbene sappia che sarà davvero impegnativa, mi aspetto di portare a casa qualche punto. La gara di andata la ricordo come una bella gara, ma fummo ingenui in alcune occasioni come quella che poi ci costò il secondo gol: calcio d’angolo nostro e subito ripartenza avversaria. Probabilmente fummo troppo spregiudicati, nei prossimi 90 minuti mi aspetto invece maggiore attenzione nel non prestare il fianco agli avversari, soprattutto perché sappiamo quanto valgono e di che caratura sono. Noi, a parte questo, tanto diversi non saremo. Ci mancherà Balder per squalifica anche se spero di poter schierare da subito il nostro capitano, Colombo, assente a lungo per un infortunio (e per un residuo di squalifica, ndr) ma che dovrebbe essere del match. Così come da Colombo, mi aspetto un contributo diverso ma più importante da Davide Matteini. E’ un ex della partita, che da quando è arrivato ci ha regalato 4 gol ma che adesso deve garantire anche uno spessore maggiore e un rendimento più alto. In questo mercato di riparazione inoltre cerchiamo un attaccante ed un centrocampista che rispondano alle esigenze della squadra, giocatori validi ma giovani e utili alla causa-minutaggio” La posta in palio per una società come il Tuttocuoio è molto alta come ci racconta lo stesso Alvini che come altri allenatori hanno fatto prima di lui, giudica come quantomeno discutibile la formula delle tante retrocessioni di questa stagione. “E’ una riforma pazzesca che pregiudica tutte le società che non hanno alle spalle città o blasoni forti come le diverse concorrenti che oggi occupano giustamente e con merito le prime posizioni – spiega – Noi abbiamo avuto una flessione rispetto a quando godevamo di una posizione più comoda, ma non è una sorpresa: il Tuttocuoio è questo. Quello dove siamo ora in classifica e ad oggi l’unico obiettivo possibile per noi è quello di un ottavo posto, l’unico raggiungibile se guardiamo i nomi e gli organici di molte altre squadre. Oggi siamo decimi ma lotteremo fino all’ultima giornata, ci proveremo fino alla fine ma siamo certamente penalizzati e lo dico con grande rammarico perché trovarci in questa annata, dopo aver vinto con grandi sacrifici tanti campionati, per noi è una maledizione. Non possiamo competere con certe squadre, non possiamo competere con organici fortissimi del calibro di Cosenza, Teramo, Casertana, Ischia o Foggia ma possiamo lottare e questo per il nostro pubblico, per la società e per il rispetto della maglia possiamo prometterlo. Centrare un posto utile al salto nella C unica non sarebbe solo un sogno ma un vero e proprio miracolo calcistico”. (Mariella Lonoce)

Related posts