Tutte 728×90
Tutte 728×90

La Nertos Cosenza scivola a Mazara

La Nertos Cosenza scivola a Mazara

Primo impegno dell’anno fallito dagli uomini di Binetti, mai in grado di reagire contro il rullo compressore siciliano. Mancano i cambi ad una squadra forte che ha bisogno di respirare nell’arco del match.
nertos4
Ci si attendeva una vittoria per iniziare l’anno con il piede giusto e invece Cosenza ha tradito le attese, tornando dalla Sicilia con un sonoro ko. Mazara non era una tappa semplice ma i cosentini hanno palesato le consuete lacune e la differenza di uomini in rosa continua a farsi sentire. Senza cambi e alternative valide è quasi impossibile andare avanti ed è evidente che anche i giocatori migliori, costretti a stare in campo per tutto l’arco del match, possano correre il rischio di essere esposti a magre figure. E allora una gara sulla carta delicata ma alla portata di Cosenza, si trasforma così in un’altra battuta d’arresto esterna. Marsala ha portato tutti gli uomini del quintetto in doppia cifra con De Gregori sugli scudi, autore di 20 punti e un 8 su 9 all’interno dell’arco che lascia pensare. Il match è partito subito male per Cosenza che nel primo parziale ha messo a segno 19 punti guidata dal solito Lombardo, sempre più in alto nella classifica dei migliori realizzatori. La Nertos in attacco parte bene ma concede troppo e parte ad handicap, chiudendo sotto di nove punti. Si va quindi alla fine del secondo quarto con un distacco ancora maggiore. Pellegrino lotta sotto canestro, a testimonianza che il lavoro di Binetti ha dato in qualche modo i suoi frutti. Il bottino del lungo è di 14 punti e 14 rimbalzi ma a Cosenza non serve. Il terzo quarto infatti è da incubo per Cosenza. Lombardo continua a infilare canestri (26 punti alla fine per lui), ma Cosenza ha pochi cambi e Mazara dilaga. Il parziale fa segnare un netto 26-10 con un pesante break di Mazara che si avvicina all’ultimo quarto con 29 punti di vantaggio. Servirebbe un impresa impossibile nel finale. Una rimonta che non è nelle corde di una squadra con una rosa ridotta al lumicino. Cosenza ci prova mentre i siciliani tirano i remi in barca. Il 7-20 dell’ultimo parziale non è lo specchio della gara e Cosenza perde di 16. Si parte quindi con una sconfitta. L’obiettivo è la fase ad orologio ma l’impressione è che serva un roster più largo per consentire a Binetti di dar respiro ai suoi. La qualità infatti non manca e sprecare così le risorse è un lusso che la Nertos non può permettersi. (f.p.)

Basket Mazara – Nertos Cosenza 80-64 
(28-19, 19-15, 26-10, 7-20)

Basket Mazara: Gilante, Gustavo De Gregori 20 (8/9, 1/2), Bruno 12 (2/3, 2/7), Gullo 13 (1/1, 3/7), Luis Marengo 11 (4/7, 1/4), Naso 20 (7/7, 2/4), Salvadori 4 (2/5, 0/1), Marrone, Rizzo, Pisciotta
Tiri Liberi: 5/5 – Rimbalzi: 35 26+9 (Bruno 10) – Assist: 14 (Gullo 7) – Cinque Falli: Salvadori

Nertos Cosenza: Gallo, Delli Carri 7 (2/6, 1/4), Pellegrino Yasakov 14 (4/7, 0/1), Guzzo 14 (2/8, 3/6), Lombardo 26 (5/9, 3/5), Luca Coscarella 1 (0/2, 0/1), Vazzana, Calabrese 2
Tiri Liberi: 17/21 – Rimbalzi: 27 18+9 (Pellegrino Yasakov 14) – Assist: 1 (Vazzana 1)

Related posts