Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Casertana: l’avversario

Cosenza-Casertana: l’avversario

Ugolotti ha modificato l’atteggiamento della sua squadra nel 4-3-3, ma per domani pomeriggio rischia di non avere a disposizione le migliore pedine della rosa.
esultanza casertanaL’esultanza dei calciatori della Casertana dopo una rete di Baclet (foto scialla)
Tredici risultati utili consecutivi e migliore difesa del campionato: questo il biglietto da visita con cui la Casertana si presenta al San Vito di Cosenza. Da quando Guido Ugolotti ha preso posto sulla panchina rossoblu, i falchetti hanno macinato punti e trovato sempre più una propria dimensione. Il 4-2-3-1 è stata la prima mossa vincente, poi rafforzata con una variazione sul

tema quanto mai azzeccata. 4-3-3 per esaltare le doti in fase di costruzione di Lucas Correa e l’estro sugli esterni dei vari Mancino, Alvino e Agodirin. Una garanzia il pacchetto arretrato, capace di incassare appena undici reti in diciotto gare di campionato. Una linea a quattro solida ed equilibrata ed un portiere sempre più decisivo. Sì perché quell’errore che all’andata regalò il gol vittoria a De Angelis resta l’unico commesso da Ermanno Fumagalli. Un lusso in Seconda Divisione, veterano di vittorie di campionato di Lega Pro: Marcianise, Castellammare e Avellino i suoi fiori all’occhiello. Ora tocca a Caserta e la Casertana. Ma quella che arriva a Cosenza è una Casertana incerottata e ricca di nodi da sciogliere. Assenze pesanti per i falchetti. Proprio quella difesa impenetrabile dovrà fare a meno di ben due uomini. Alla squalifica di Pezzella si è aggiunta la defezione di Idda, fermato dalla febbre. Toccherà a Conti al centro della difesa, mentre Antonazzo scalpita per un posto da titolare. Insomma tutt’altro che ripieghi di secondi piano. A centrocampo fuori i due terzi della diga rossoblu con le squalifiche di Marano e Correa. Cucciniello è pronto a confermarsi su buoni livelli spalleggiato dal leader dei falchetti Michel Cruciani e uno tra De Marco e Chiavazzo. In attacco Baclet si avvia verso il forfait, Mancino sarà valutato soltanto nell’immediatezza del calcio d’inizio. Alvino pronto a tornare in campo dal primo minuto per macinare chilometri sulla fascia sinistra. Insomma, nonostante le tante defezioni, la Casertana non si presenterà certo con un piglio diverso. Dopo l’amaro 0-0 interno con il Poggibonsi, i rossoblu venderanno cara la pelle anche al San Vito. Festa sugli spalti, partita verissima sul campo. (Areacasertana.it)

Related posts