Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo: Falchi Salento al Tappeto. Cosenza lancia l’assalto alla vetta

Pallavolo: Falchi Salento al Tappeto. Cosenza lancia l’assalto alla vetta

Con un netto e meritato 3-1, La DeSeta Casa Conad Vena si sbarazza dei salentini e brinda al successo. Ottima la prova di Garofalo. Buona prestazione di Galabinov al ritorno.
coach marano dà indicazioni
Inizia nel migliore dei modi il 2014 della DeSetaCasa Conad Vena Cosenza con un netta vittoria per 3-1 contro la Falchi Salento Lecce. Tre punti importanti che consentono agli uomini di Marano di avvicinarsi ancor di più verso la vetta: la capolista Alessano oggi osservava un turno di riposo ed i rossoblù ora sono a soli due punti di distanza. Le due squadre hanno dato vita ad un match interessante, combattuto punto su punto, ad esclusione dell’ultimo set. Nonostante il risultato e la conquista dell’intera posta in palio,tuttavia, Lotito e compagni hanno commesso molti errori al servizio e sono apparsi un po’ molli specie nei primi set; dall’altra parte della rete,invece, si è avuto modo di apprezzare una squadra, quella salentina, molto grintosa e dura a morire ma falcidiata dalla crisi societaria. Tuttavia, quando Cosenza decideva di aumentare il ritmo e spingere sull’acceleratore non c’era alcuna storia. In buona sostanza, una prestazione corale da incorniciare da parte di tutta la squadra con Garofalo in evidenza ed in ottima forma. Grande impatto ha suscitato, viepiù, il ritorno di Galabinov : il bulgaro, partito dalla panchina, quando è entrato ha fatto nettamente la differenza sfoggiando i colpi cui eravamo abituati a vedere lo scorso anno. Una ulteriore freccia nell’arco di coach Marano. Ora la vetta è più vicina e sognare diventa lecito. CRONACA. Prima partita del 2014 per la DeSetaCasa Conad Vena Cosenza. Coach Marano parte con un sestetto tutto inedito: diagonale composta da Bonante-Astarita; Testagrossa e Smiriglia centrali; Lotito e Garofalo di banda; De Marco libero. Coach Congedi risponde con Zonno al palleggio in diagonale Amorico , Serra e Miraglia al centro, Colazzo e Romano di banda, Spennato libero. I set. Parte subito forte Cosenza con un perentorio 4-1 ma i salentini recuperano subito sul 5-5. Errori da entrambe le parti e sostanziale fase di studio della partita. Break dei giallorossi che si portano avanti con un ace di Amorico ed un tap-in di Serra. Un muro di Smiriglia permette ai rossoblù di riagguantare gli uomini di mister Congedi sul 14 pari.Il secondo t.o. tecnico vede comunque i ‘falchi’ avanti per 15-16. La DeSeta aumenta il ritmo sfruttando il turno al servizio favorevole: cinque punti consecutivi con due ace di Lotito e Cosenza vola sul 20-16, Congedi chiama t.o. Garofalo suggella il 24-18 dando ai silani ben sette set ball. Testagrossa in primo tempo chiude i conti (25-19) di un primo set bruttino.  II set. Nel secondo parziale sono i Falchi a partire forte: al primo t.o. tecnico sono avanti loro sul 5-8, Cosenza appare un po’ molle. I rossoblù si riportano sotto ma Amorico e co. mantengono a distanza i rossoblù , sul 10-14 Marano è costretto a chiamare t.o. . La pausa sortisce il suo effetto, con Lotito e Testagrossa si va sul 13-14. Pareggiano poco più tardi con un ace di Testagrossa sul 15 pari; ma Colazzo manda avanti i falchi in vantaggio al secondo t.o. (15-16). Sul 15-18 entra Illuzzi al posto di Bonante. Sul 17-20 è il momento di Galabinov, esordio stagionale per il bulgaro di ritorno da Corigliano. I cambi fanno cambiare marcia al Cosenza, sul 21-22 è coach Congedi a chiamare t.o. Il servizio di Astarita fa male ai salentini: doppio ace, 23-22 ed altro t.o. per i Falchi. Quest’ultimi sono duri a morire,non si scoraggiano e recuperano due punti favoriti anche da un errore di Illuzzi (23-24). Galabinov pareggia con il suo primo , ma pesantissimo, punto in maglia rossoblù (24-24). Un errore dal servizio del bulgaro regala però il set ball ai salentini. Chiude Colazzo da posto quattro sul 24-26. III set. Il terzo parziale riprende sulla falsariga del finale del precedente. Ad andare avanti al primo t.o. tecnico però sono i Falchi che sfruttano al meglio la poca verve dei rossoblù (6-8). Cosenza pareggia su un errore in attacco di Serra e si porta avanti con Garofalo sul 14-13. Il solito Amorico ed una decisione arbitrale dubbia riportano avanti i leccesi (15-16). Rientra Galabinov sul 16 pari e realizza subito il tap-in del 17-16. Errore in attacco dei Falchi, 18-16 e Congedi chiama t.o. Cosenza appare risvegliata e si porta sul 20-17. Miraglia con un primo tempo su una rigiocata riporta i suoi ad un punto di vantaggio per poi pareggiare con Amorico (21-21). Rientra Lotito al servizio sul 23-22. Garofalo da posto quattro regala due set ball a Cosenza (24-22). È proprio quest’ultimo meritatamente a chiudere il terzo set in favore dei rossoblù (25-22). IV set. Cosenza è decisa a chiudere e parte fortissimo con un break di 5-1 (subito t.o. per Congedi). Il primo t.o. tecnico vede avanti gli uomini di Marano condurre per 8-2. I Falchi sembrano aver subito un crollo psicologico (10-2) mentre Lotito e co. viaggiano decisi verso la vittoria. Sul 13-6 entra in campo anche Di Fino. Lotito in evidenza in questo quarto parziale manda i rossoblù sul 16-9 al secondo t.o. Sul 19-10 doppio cambio : Galabinov e capitan Piluso. Spazio anche per il secondo libero Rizzuto sul 22-12. Ace di Galabinov e poi Amorico spedisce in curva il pallone decisivo (25-13) che mette il punto finale sulla partita.  (f. p.)

Il tabellino:
DESETA CASA CONAD VENA COSENZA-FALCHI SALENTO LECCE 3-1
(25-19;24-26;25-22;25-13)

DESETA CASA CONAD VENA COSENZA: Testagrossa 11, Bonante 1, Astarita 11, Smiriglia 12, Lotito 16, Garofalo 10, De Marco (L), Galabinov 8, Illuzzi, Piluso, Di Fino 2, Rizzuto (L), n.e. Spadafora. All. F. Marano – M. Scaldaferri
Ace (8); Errori (14); Muri pt (16); Ric. Pos. (80%); Ric. Perf. (51%)
FALCHI SALENTO LECCE: Zonno 7, Miraglia 10, Serra 14, Colazzo 7, Amorico 17, Coletta, Spennato (L), Giorgetti, Pierri, Romano 1, Piscopello. All. Cavalera 
Ace (4); Errori (8); Muri pt (11); Ric .Pos. (73%); Ric. Perf. (48%)
ARBITRI: Sodano Pierluigi e Ferrise Domenico

Related posts