Tutte 728×90
Tutte 728×90

Condò blinda Calderini: “Resterà con noi. E’ troppo importante”

Condò blinda Calderini: “Resterà con noi. E’ troppo importante”

Il consulente di mercato del Cosenza sottolinea: “Siamo vigili sul mercato. Dobbiamo gestire un gruppo già amalgamato senza intaccare gli equilibri di una buona squadra”. 
condò gigiIl consulente di mercato del Cosenza Gigi Condò. Importante il suo contributo (foto mannarino)
Gigi Condò è il consulente di mercato del Cosenza e in estate ha coadiuvato il direttore generale Ciccio Marino nel comporre una squadra da vertice. Con la riapertura delle liste torna ad intensificarsi il suo lavoro, finalizzato a regalare a Cappellacci quegli innesti che il tecnico ha richiesto a più riprese nelle conferenze stampa. In carriera Condò è già stato ds di Neapolis e Noto nonché ex centrocampista di Pescara, Potenza, L’Aquila, Teramo e Giugliano. “Con la Casertana è stata una partita difficile – ha detto al portale tuttosorrento.com – disputata contro una squadra veramente forte. E’ vero che alla Casertana mancava qualche elemento, ma quando puoi impiegare giocatori come Cucciniello, Conti o Alvino non è che poi si avverta grande differenza. Questo a dimostrazione dell’organico davvero importante che Ugolotti ha a disposizione. La Casertana ha una rosa che consente di gestire le emergenze. Non abbiamo giocato il primo tempo sui livelli a noi consueti, anche se eravamo partiti bene creando una buona palla gol. Nei primi 45′, poi, sono mancati all’appello due rigori netti che l’arbitro non ci ha concesso. Uno per fallo su Alessandro e un altro per un mani in area di D’Alterio, appena entrato, su conclusione di Mosciaro, che poi è stato addirittura ammonito per proteste. Tra l’altro, con la concessione del penalty, D’Alterio sarebbe stato anche espulso. Avessimo accorciato le distanze nei primi 45′, avremmo potuto anche vincere la gara. Poi nella ripresa siamo venuti fuori col nostro carattere e con una rabbia agonistica alimentata anche dalla spinta del pubblico del San Vito, eccezionale come sempre. C’abbiamo messo anche tanta qualità perché fare due gol alla Casertana non è mai facile. Alla fine ne è uscito un pari giusto”. Domenica per i Lupi un match difficile a Sorrento contro la squadra che più di tutte nel girone di andata ha messo in difficoltà i rossoblù al San Vito. “Le individualità. Alcune sono davvero importanti come Maiorino, Catania, Danucci, Villagatti e Benci per non parlare degli ultimi arrivi, D’Anna e Innocenti. E poi c’è un allenatore navigato come Simonelli. Il Sorrento ha tutte le carte in regole per restare in Lega Pro. Me lo auguro anche per la piazza che ha grande tradizione. Al Sorrento non posso che fare il mio in bocca al lupo, ma a partire ovviamente da lunedì prossimo”. Le assenze tra i Lupi saranno diverse tra infortunati e squalifiche. “Meduri è indisponibile mentre Mosciaro e Alessandro saranno squalificati. Sarà dura perché il Sorrento è in crescita. Abbiamo comunque delle buone alternative in grado di sostituire gli assenti, come Napolano, Calderini e Criaco. Poi ogni scelta spetterà all’allenatore”. Impossibile non parlare di mercato. “Calderini non partirà più. Resterà con noi. Il Castel Rigone aveva avanzato un’offerta importante ma il ragazzo oramai è fuori dal mercato perché riteniamo che potrà ritornarci utile in questo girone di ritorno. Del resto è un elemento di lusso per questa categoria. Per il resto delle operazioni siamo vigili. Aspettiamo la situazione giusta. Dobbiamo gestire un gruppo già amalgamato senza intaccarne gli equilibri. Il mercato di gennaio è atipico, oltre che difficile. Ed è più di assestamento che di rafforzamento. A volte si finisce per fare confusione. Ed è spesso complicato creare i presupposti per una mossa saggia. Bisogna stare attenti a non commettere errori, anche il minimo può essere fatale”.  (co. ch.)

Related posts