Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il prof Bruni sorride: “La preparazione del Cosenza in linea con i programmi”

Il prof Bruni sorride: “La preparazione del Cosenza in linea con i programmi”

Poi scherza con il Capp: “Non sono d’accordo con lui quando tira in ballo la fortuna”. Intanto si allungano i tempi di recupero di Meduri: starà fermo per almeno un mese.
bruni e guidiIl professor Roberto Bruni in compagnia di Guidi nel suo primo giorno di allenamento
Davanti ai microfoni dei giornalisti alla ripresa degli allenamenti c’è una gradita sorpresa. Il preparatore Roberto Bruni è l’artefice del rendimento atletico del Cosenza. “Siamo nella media e in linea con le aspettative – spiega – La preparazione è stata impostata in maniera tale che non ci siano picchi o crolli durante il campionato. Diciamo anche che quando arrivano i risultato tutto appare più luccicante”. In rosa ci sono diversi elementi che alzano l’asticella. “Il calciatori più esplosivi sono Alessandro e Blondett. Di solito per esprimere un giudizio mi baso solo sulle qualità fisiche, ma si vedeva subito che Edoardo aveva buone basi. Questa continuità non me l’aspettavo, anche se a pensarci bene ormai i giovani provenienti dalle Primavere sono già formati”. I rossoblù però qualche limite ce l’hanno e non sono perfetti. “In effetti tutti possono dare qualcosa in più. Ho notato che come squadra tendiamo a rilassarci, ma per fortuna abbiamo trovato un tecnico, Cappellacci, che è un martello pneumatico. Dal canto mio cerco molto il dialogo con i ragazzi, non impongo mai nulla. Mi arrabbio soltanto con me stesso se non riesco a farmi capire”. Lo staf tecnico nelle ultime settimane è alle prese con qualche infortunio di troppo. I tempi di recupero per Meduri sono di un mese circa e numericamente Cappellacci è in evidente difficoltà. “Preferisco analizzare il dato da un punto di vista differente. Se parliamo di numero, non sono stati tanti gli infortunati ed anche qui siamo nella media. Il problema è che si sono concentrati quasi tutti in un momento particolare. Abbiamo risentito dell’aver iniziato la preparazione in ritardo e del fatto che i nuovi si sono dovuti adeguare ai compagni”. Per la cronaca, oggi pomeriggio Mosciaro è rimasto fermo precauzionalmente, mentre Blondett aveva la febbre. Gli altri hanno svolto una sessione basata sul possesso palla e un blocco di esercizi finalizzato al potenziamento aerobico. Dando uno sguardo in giro per il girone, sono due gli attaccanti che hanno colpito maggiormente Bruni per le loro qualità atletiche. “Sono Agodirin della Casertana, Dimas Goncalves del Teramo: davvero impressionanti”. Chiusura dedicata alla classifica dei Lupi. “Il Cosenza nella posizione che merita? E’ talmente piccola la forbice dal Teramo che il secondo posto incide poco. Non sono d’accordo con Cappellacci quando parla della dea bendata. Si tira in ballo solo quando sorride a noi e mai del contrario. Per un periodo sembrava di occupare abusivamente un posto troppo nobile per le nostre possibilità. Alla seconda di ritorno, se siamo ancora lì, vuol dire che qualche qualità c’è…”. (Luigi Brasi)

Related posts