Tutte 728×90
Tutte 728×90

Aspettando il centenario: chi è stato il miglior presidente?

Aspettando il centenario: chi è stato il miglior presidente?

Si sceglie il patron che più di tutti meriterebbe di gestire la squadra del secolo per quanto fatto al timone del club. Da Lecce a Morelli, da Pagliuso a Carratelli, da Carci a Serra passando per Perugini. Tra loro anche i commissari speciali che talvolta hanno garantito lo sport in città.
esultanza cs ad arzanoLa momentanea esultanza del Cosenza dopo il gol di Chinellato (foto shartella)
E’ il momento di eleggere il presidente del Centenario. Nomi storici, più o meno scomodi, amati e contestati da periodo a periodo, figurano in un elenco importante che stabilirà chi starà a capo della formazione del secolo votata dai tifosi nelle scorse settimane. Questa settimana Cosenzachannel.it ha scelto una lista di sette nomi tra i più significativi che hanno animato 100 anni di storia. Si parte da Biagio Lecce che si ritrovò al comando in due periodi differenti: prima dal ’51 al ’53 e poi dal ’60 al ’64 negli anni storici della Serie B. Nel mezzo Salvatore Perugini (nonno dell’ex sindaco) che visse un importante regno dal ’55 al ’60. Don Peppino Carci è uno dei simboli del Cosenza. Commissario straordinario nei periodi di crisi e commissario unico a più riprese, garantì lo stesso il calcio in città. Prima nel ’50-’51, poi dal ’69-’71 riempì e domeniche col suo entusiasmo e la sua passione. Vincenzo Morelli fu il fautore della trasformazione dell’As Cosenza nella S.p.a. e sedette sulla poltrona più importante dall’82 all’85. A Peppino Carratelli (’87-’89) è legata la promozione in B dell’88 con tutti festeggiamenti che ne derivano. Subito dopo il timone passò ad Antonio Serra che sfiorò a ripetizione la Serie A. Infine, ma solo in ordine di tempo, Paolo Fabiano Pagliuso: al suo attivo nove campionati, una retrocessione in C ed un’immediata risalita tra i cadetti e una Serie A accarezzata con Mutti in panchina. Dopo il fallimento del 2003, legato alle sue note vicende giudiziarie, i Lupi non hanno mai più calcato i campi fatati della B. Dite la vostra anche sui nostri profili Twitter e Facebook, venerdì pubblicheremo i commenti più interessanti. Votate… votate… votate… (co. ch.)

Related posts