Tutte 728×90
Tutte 728×90

Bitetto: “La mia squadra in casa si blocca”

Bitetto: “La mia squadra in casa si blocca”

Il tecnico del Melfi parla delle difficoltà dei lucani tra le mura amiche. Sull’andata: “Perdemmo in modo immeritato e al 90′. Domenica, nonostante tutto, spero in un epilogo diverso”. 
bitetto melfiL’allenatore del Melfi Leonardo Bitetto cerca di salvare la sua squadra dalla D
Leonardo Bitetto, allenatore del Melfi, prossima avversaria del Cosenza, è considerato certamente e a pieno titolo uno dei migliori allenatori del torneo: la sua squadra, imbottita di giovani molti dei quali alla prima esperienza tra i Pro, ha mostrato finora grande carattere e determinazione dando filo da torcere alle corazzate del campionato. Un esempio lampante rappresentato dallo stesso Cosenza, che nella gara di andata riuscì ad avere la meglio solo al 90′ e al termine di un match molto tirato. Si parte proprio da questo con il tecnico lucano: “Che gara è stata quella dell’andata? Un’ottima prova da parte dei miei ragazzi che come spesso è capitato – si rammarica – si sono trovati a dover andare anche oltre le proprie capacità per tenere testa a squadre come quella rossoblù, tecnicamente e qualitativamente superiori Il gol al 90esimo una beffa, una sconfitta immeritata, ma il calcio è anche questo e bisogna accettarlo, del resto questo è un campionato strano in cui molte società hanno investito parecchi soldi per non perdere la categoria rendendolo molto equilibrato. Noi stessi ne siamo testimoni visto che in due domeniche siamo balzati dal quinto al nono posto in classifica”. Per mettersi al passo con le antagoniste, i gialloverdi hanno apportato alcuni accorgimenti. “Il 2014 non è partito benissimo per noi, abbiamo perso diversi punti, il cambio del modulo dal 4-4-2 al 3-5-2 ci ha garantito di mettere più in risalto le caratteristiche dei  giocatori e migliorare la manovra. Ora tuttavia sembra essere subentrato un blocco psicologico soprattutto nelle partite casalinghe dove soffriamo particolarmente, alternando nell’arco degli stessi 90′ atteggiamenti diversi che purtroppo non ci stanno permettendo di vincere dalla gara contro il Martina di metà novembre. A differenza di molte avversarie il nostro mercato di gennaio è stato coerente con il coraggioso programma della società iniziato in estate, quello di mettere in campo i giovani, programma che non solo ho abbracciato ma che nonostante i sacrifici e il grande lavoro ci ha permesso nel girone di andata di raccogliere ben 26 punti che erano sicuramente insperati ad inizio campionato”. Bitetto è uno dei tecnici più esperti e guarda oltre. “Per raggiungere la salvezza credo servirà toccare almeno quota 48 e quindi bisogna macinare ancora tantissima strada per non retrocede tra i dilettanti dove, paradossalmente, si ritroveranno il prossimo anno squadre attrezzatissime per la categoria”. In Basilicata troverà un Cosenza agguerrito. “Cosa mi aspetto  da domenica prossima? Mi aspetto una gara molto simile a quella dell’andata almeno sotto l’aspetto del gioco e non sarà facile per noi tenere a bada un Cosenza di così tanta qualità, ma ovviamente in cuori mio spero che l’epilogo sia diverso”. (Mariella Lonoce)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it