Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mai così tanta abbondanza per Cappellacci

Mai così tanta abbondanza per Cappellacci

Domenica il tecnico del Cosenza avrà a disposizione tutti i suoi uomini tranne Meduri. Oggi Alessandro e Giordano sono tornati in gruppo, Orlandi ancora con la febbre.
de angelis con aversaGianluca De Angelis con l’Aversa. Dietro Criaco ha appena fatto un gran gol (foto mannarino)
In attesa dell’imminente trasferta di Foggia che anticiperà il decisivo doppio turno casalingo con Messina e Poggibonsi, Cappellacci continua la preparazione della gara valutando le condizioni dei suoi uomini post sbornia centenario. Oggi unica seduta mattutina svoltasi sul sintetico del Marca a partire dalle 10,30, prima esercitazioni per reparti (misti) e poi partitella conclusiva, unici assenti Blondett, che ha svolto un lavoro differenziato in piscina a causa di qualche acciacco accusato dopo la partita contro l’Aversa Normanna. Non in discussione la sua presenza per la gara contro i satanelli per la quale saranno disponibili anche Alessandro, che ha smaltito i problemi fisici e si è riaggregato al gruppo così come Giordano che nella giornata di ieri ha usufruito di un permesso per questioni personali. Assente anche Orlando febbricitante e l’infortunato di lungo corso Meduri, i cui tempi di recupero ancora non sono noti. Allo stato, salvo indisponibilità dell’ultimo minuto, Cappellacci avrà a disposizione l’intera rosa per domenica prossima, fatta eccezione appunto per Meduri, stabilendo così un vero e proprio record stagionale. Con 20 elementi su 21, in effetti, per la prima volta dall’inizio del torneo Cappellacci potrà operare le sue scelte avendo nel ventaglio delle possibilità ampie scelte. Si capirà domani nella partitella prevista allo Stadio San Vito quali saranno le valutazioni del Capp e pertanto se si assisterà alla riconferma dell’undici di domenica scorsa, con il probabile rientro di Bigoni reduce dalla squalifica sulla linea difensiva, o se il tecnico rossoblù opterà per un mirato turn-over anche in vista dell’avversario che, nonostante qualche battuta d’arresto nelle ultime giornate, è apparso quadrato e temibile. (Salvatore Mannarino)

Related posts