Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, ma a fine anno chi ti resta?

Cosenza, ma a fine anno chi ti resta?

Calciatori tutti in scadenza, altri in prestito e sicurezza solo in attacco, dove in quattro hanno un contratto fino al 2015. Il club dovrà muoversi in anticipo per evitare spiacevoli sorprese.
corsi con laversaAngelo Corsi cerca una riconferma per il prossimo torneo (foto mannarino)
Dita incrociate e testa solo al campo per il Cosenza, che sogna una promozione ampiamente alla portata. I superstiziosi possono iniziare a fare gli scongiuri, ma un club che si rispetti deve valutare la situazione della propria rosa. Non mancano tanti incontri al termine del campionato e non servono i miracoli per festeggiare la Lega Pro unica. Il grosso del lavoro, Cappellacci e i suoi uomini lo hanno già fatto, con merito e dedizione. E’ chiaro che bisognerà continuare su questa strada, ma intanto il club dovrà muoversi per capire quale è lo stato effettivo della rosa. Il primo passo sarà quello di parlare con Cappellacci, perché in una Lega Pro unica servirà coraggio, pragmatismo e preparazione. Tutte doti che l’attuale tecnico in forza ai lupi possiede e che farebbero di lui l’uomo perfetto anche per l’anno prossimo. Poi bisognerà valutare gli uomini in rosa e farlo in fretta, per evitare spiacevoli sorprese. I due portieri sono in scadenza di contratto e liberi di accordarsi. Trattenere Frattali sarà difficilissimo. In una squadra che punta al grande salto ci starebbe e bene, ma le sirene in arrivo dalla Serie B rendono il giusto merito alle sue prestazioni e a chi lo ha scelto. E’ lecito però chiedersi per quale motivo si sia concessa una opportunità ad un portiere pronto al rilancio, credendo fortemente in lui e in un suo ritorno a grandi livelli, ma facendogli però firmare un contratto di un solo anno. Un controsenso pesante che potrebbe privare la squadra di un numero uno che in questa stagione da solo ha portato più di dieci punti. In difesa il discorso non cambia. Due sono i calciatori in prestito. Mannini del Siena e Blondett, per il quale la Sampdoria avrà richieste interessanti vista l’ottima stagione disputata. Per tutti gli altri il contratto è già in scadenza e sono tutti liberi di accordarsi con altri club o di credere in un progetto e restare in città. Anche a centrocampo ci sarà da lavorare. Asante è arrivato in prestito dal Genoa che cercherà per il forte mediano un club disposto a dargli spazio in campo. Gli altri sono in scadenza a fine campionato e la zona nevralgica del campo è da rifondare. Chance per un’eventuale riconferma ce l’hanno tutti: Criaco, Corsi e Giordano non sono affatto male. In attacco invece resterà l’abbondanza. De Angelis è il cannoniere principe della squadra e andrà in scadenza nel 2015, così come Mosciaro, Calderini, e Napolano. Il contratto di Alessandro invece è già scaduto, così come quello di Chinellato che sarà libero di accordarsi con un’altra squadra. Non serve la calcolatrice per capire che al momento su 21 giocatori in rosa, il Cosenza ne ha ben 13 in scadenza di contratto, 4 in prestito e solo 4 legati per un’altra stagione ai rossoblu. Bisognerà muoversi in anticipo, per non rifondare una squadra che ha già solide basi sulle quali completare nel migliore dei modi questa stagione, e affrontarne un’altra che potrebbe rilanciare definitivamente il club e la città. (f. p.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it