Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cappellacci: “Abbiamo perso per un episodio. La squadra ha fatto il massimo”

Cappellacci: “Abbiamo perso per un episodio. La squadra ha fatto il massimo”

Il tecnico rossoblù: “I ragazzi hanno provato a riequilibrare la partita ma il Foggia è stato bravo a non concedere nulla. Sono soddisfatto per la prestazione perchè siamo sempre stati in partita”
foggia-cs3Una rara sortita offensiva dei Lupi con Calderini che cerca di rimettere in mezzo (foto shartella)Mister Cappellacci è un po’ amareggiato per la sconfitta subita a Foggia ma sodisfatto per la prestazione della squadra. “La squadra ha provato sempre a cercare la via del gol. Prima della rete del Foggia stavamo tenendo bene il campo poi abbiamo commesso un’ ingenuità ed abbiamo preso il gol. Credo che siamo sempre stati presenti in campo cercando di fare la partita. Credo che se non c’era stato quell’episodio la partita finiva in parità”. Il Cosenza dopo lo svantaggio ha provato a riequilibrare la gara. “Il Foggia non ci ha concesso nulla ma credo che anche il Cosenza abbia fatto lo stesso con gli avversari. Abbiamo fatto un’ottima prestazione contro una grande squadra”. E’ stata una gara molto tattica. “Inizialmente è stata una partita equilibrata e studiata. Dopo il gol è cambiato tutto perché il Cosenza ha dovuto fare la partita per recuperare. La squadra è stata presente fino alla fine e credo che abbiamo fatto una buona partita”. Durante la gara Calderini ha dovuto abbandonare il campo. “Calderini ha subito un colpo all’occhio e non vedeva bene e per quello è stato sostituito. Faremo degli accertamenti all’ospedale di Foggia per avere la certezza che non sia nulla di grave”. Il risultato più giusto, molto probabilmente, era il risultato più giusto. “Ho visto una squadra che ha dato tutto in campo. Sicuramente ha sbagliato in alcune circostanze ma credo che si sia mossa bene anche in fase di non possesso. Non siamo stati bravissimi a trovare la via del gol ma di sicuro non posso dire nulla ai ragazzi per la prestazione in campo”. (Marco Salfi)

Related posts