Tutte 728×90
Tutte 728×90

Brutium, altro scivolone. A Castiglione ko di misura

Brutium, altro scivolone. A Castiglione ko di misura

I rossoblù cadono ancora e vedono allontanarsi drasticamente il Belvedere (ora a +11). In ottica playoff serve guardarsi dietro e contenere la scalata del Cerzeto.
fan brutiumI sostenitori della Brutium Cosenza sotto la pioggia battente nel match di sabato scorso
Arriva un’altra sconfitta per gli uomini di Lupinacci, stavolta a Castiglione. Seppur di misura (1-0) e contro una squadra che potenzialmente potrebbe avere gli stessi punti dei rossoblù, si tratta di un ko che fa male perché permette alla capolista Belvedere di allungare in classifica a +11 ed ipotecare il salto di categoria in Prima. Sarà fondamentale, a questo punto, non sbagliare i prossimi impegni. Già domenica prossima i Lupacchiotti dovranno fare bottino pieno nel testa-coda contro il Bisignano. CRONACA. Sotto una pioggia incessante che ha reso un pantano il terreno di gioco, la Brutium ritrova quattro facce conosciute: l’ex tecnico De Vincenti e i calciatori Tomasi, Preite e Leonetti. Gli ospiti appaiono in palla e macinano azioni pericolose alzando in maniera autoritaria il proprio baricentro. Il predominio territoriale è netto, tanto che Daniele su punizione e Martire con un tiro velenoso fanno correre un brivido lungo la schiena di Rotolo. Il Castiglione però recrimina per un fallo di mano in area rossoblù, apparso ai più netto. Vallesi di Paola, autore di una direzione insufficiente, sorvola e manda tutti negli spogliatoi. Nella ripresa la musica non cambia, anche se un episodio cambia volto alla contesa. Al 69′ Nicoletti calcia con potenza trovando l’opposizione di Gardi che non blocca. La palla schizza al centro dell’area di rigore con la retroguardia dei Lupacchiotti che non riesce a spazzare con rapidità. A quel punto è Leonetti il più lesto di tutti a gonfiare la rete e a siglare il più classico dei gol dell’ex. La Brutium si riversa in avanti, ma non va oltre qualche tiro dalla bandierina e dei calci piazzati di De Rose e Daniele. I rossoblù, come il Castiglione nel primo tempo, recriminano per un fallo di mano di De Masi. Anche stavolta l’arbitro non ravvisa gli estremi per indicare il dischetto condannato gli uomini di Lupinacci al secondo ko consecutivo in trasferta. Da segnalare le difficoltà logistiche affrontate in settimana dalla squadra fondata dagli ultras della Curva Nord: il campo di allenamento è stato occupato dalla Fiera che si sarebbe dovuta svolgere presso le Cupole geodediche, ormai usate dai più come discarica. (Salvatore Mannarino)

ll tabellino:
CASTIGLIONE: Rotolo, Milano, Tomasi (60′ Pino), Munno (60′ Gerace), De Masi, Covello, Preite, Mascaro, Nicoletti, Caruso, Leonetti. A disp.: Conversi, Vinti, Magnelli, Ferao, Magarò. All.: De Vincenti (squalificato, in panchina Sprovieri)
BRUTIUM COSENZA: Gardi, Costabile, M. De Rose, Bonofiglio, Ponzio, F. De Rose, Martire, Esposito (83′ Vommaro), Daniele, Crescibene (79′ Presta), Sammarco (62′ Scarlato). A disp.: Guido, Viteritti, Principato, Mignolo. All.: Lupinacci
ARBITRO: Vallesi di Paola
MARCATORI: 69′ Leonetti
NOTE: Spettatori un centinaio. Ammoniti: Preite (C), Munno (C), Pino (C), Esposito (BC), F. De Rose (BC), Martire (BC). Angoli: 4-0 per la Brutium. Recupero: 1′ pt – 3′ st

Related posts