Tutte 728×90
Tutte 728×90

Blondett: “Non siamo brillanti ma di sicuro rischiamo poco”

Blondett: “Non siamo brillanti ma di sicuro rischiamo poco”

Il difensore commenta il pari nell’anticipo contro il Messina: “Ci può stare fare fatica contro una squadra come quella del Messina vista stasera”.
blondett su costa ferreiraBlondett e Corsi chiudono in una morsa il talentuoso Ferreira del Messina (foto mannarino)
Dalla serata incolore dei silani c’è un aspetto positivo da tenere in considerazione. Seppur con una gara in più i silani agguantano in testa alla classifica Teramo e Casertana che domenica si affronteranno per dare vita al big match di giornata. Certo, ci si sarebbe aspettato qualcosina in più dalla squadra di Cappellacci che, al cospetto di un Messina diverso rispetto alla gara di andata, non è stato mai capace di portare pericoli dalle parti di Lagomarsini. Ed è stato questo se vogliamo l’aspetto più preoccupante e non da sottovalutare. I silani hanno fatto una fatica mostruosa a far arrivare la sfera nei pressi dell’area di rigore avversaria mostrando una condizione fisica non ha top ed una manovra troppo compassata per essere vera. A fine gara questo il pensiero del difensore rossoblù Blondett. “Il Messina veniva da una serie di risultati utili consecutivi ed ha dimostrato di vivere un buon momento di forma. Hanno iniziato meglio di noi anche se direi che è stata una gara molto equilibrata dove entrambe hanno concesso poco”. Poi a chi dice che mancano le motivazioni il difensore risponde. “Di sicuro la nostra posizione di classifica ci consente di giocare con più serenità. Il Messina, invece, deve lottare col coltello tra i denti per conquistare punti utili per arrivare alla matematica promozione. Questo non significa che il nostro impegno è minore. Ripeto, credo che ci sta fare fatica contro una squadra come quella del Messina vista stasera. Ma noi abbiam fatto la nostra gara senza rischiare molto. Probabilmente non siamo stati brillanti ma di sicuro era importante non perdere e muovere la classifica”. (Salvatore Mannarino)

Related posts