Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, per Cosenza la partita che vale tutta la stagione

Pallavolo, per Cosenza la partita che vale tutta la stagione

In Salento contro la capolista Aurispa Alessano si vivrà una domenica infuocata. Gli uomini di coach Marano sono chiamati ad una vera e propria impresa per sognare la promozione.
pallavolo sotto reteLa squadra rossoblù è pronta al viaggio in Puglia. Bisogna solo vincere
Una partita che vale un’intera stagione. La cartina al tornasole, il vero punto di volta del girone passerà proprio domenica dal Pala di Alessano. Tutte le squadre partecipanti al torneo di serie B1 avranno gli occhi puntati e attenderanno trepidanti l’esito di tale gara. Sì, perché chi vincerà tale match staccherà ufficiosamente il biglietto per la promozione diretta in serie A2.  Gli azzurri salentini in più di un’occasione ha avuto modo di dichiarare attraverso i loro organi di stampa snocciolando frasi del tipo “la promozione passa dalla gara contro il Cosenza”, “solo se batteremo Cosenza potremmo dire di poter vincere il campionato”, ecc… È palese che temono l’armata rossoblù; ed è un timore reverenziale fondato considerato che all’andata gli uomini di coach Marano diedero una sonora sconfitta all’attuale capolista del torneo. Per i rossoblù non v’è risultato facoltativo, ma uno obbligato, un solo dictat: vincere. Come si vince? Tatticamente, forzando molto il servizio anche a rischio di sbagliare per limitarli al centro e raddoppiare bene sulle bande. Ma, in realtà, si dovrà vincere con il cuore. Perché le vittorie più belle sono quelle conquistate con il cuore. Cosenza, mai come stavolta, dovrà utilizzare la propria grinta e la grande voglia di vincere dimostrando, ancora una volta, di essere un collettivo unito, una vera squadra. Anche perché l’atmosfera al PalaBello sarà rovente ed il pubblico di certo sarà un uomo in più per i nostri avversari. Mercoledì i rossoblù hanno disputato un ottimo test contro i cugini della Tonno Callipo Vibo Valentia: il divario tecnico è stato evidente ma nonostante ciò coach Marano ha tratto probanti ed utili indicazioni. Sono state provate, infatti, molte variabili tattiche offensive ma soprattutto difensive in vista del match di domenica. Il coach bruzio ha un solo dubbio legato alle condizioni fisiche dello schiacciatore Lotito; nell’amichevole di ieri, tuttavia, sono arrivati segnali più che confortanti da un ottimo Astarita. Per cui, il sestetto iniziale dovrebbe essere composto con la diagonale Illuzzi-Di Fino; Smiriglia e Testagrossa al centro; Astarita (se Lotito non recupera) e Galabinov di banda; De Marco libero
L’AVVERSARIO. La squadra salentina è una formazione solida e ben organizzata. Una squadra assolutamente attrezzata per la vittoria del campionato. Del resto lo dimostrano i fatti. I risultati ottenuti sono il migliore biglietto da visita del buon roster a disposizione di coach Medico: 12 vittorie e sole due sconfitte (di cui una proprio inferta all’andata dai rossoblù). Dal punto di vista tecnico, gli azzurri sono molto forti dal centro con Musardo (che ha saltato per infortunio l’ultima gara contro la Falchi Salento) e Torsello; l’opposto Roberti , il vero fiore all’occhiello, attacca benissimo ed è un gran saltatore specie al servizio; infine, pericoloso con palla spinta, è il laterale Battilotti, vecchia conoscenza del sestetto rossoblù.

Related posts