Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cappellacci annuncia: “Il Cosenza giocherà con il 4-4-2”

Cappellacci annuncia: “Il Cosenza giocherà con il 4-4-2”

Il tecnico, inoltre, lancia dal primo minuto l’attaccante Chinellato: “Preferisco far rifiatare De Angelis e buttarlo dentro nella seconda parte del match dove di solito caliamo”.cappellacci con giaccaL’allenatore del Cosenza Roberto Cappellacci domani ha detto che cambierà modulo
Roberto Cappellacci rompe gli indugi e in conferenza stampa annuncia il ritorno al 4-4-2, modulo con cui aveva iniziato la stagione e con cui aveva schierato la squadra fino alla trasferta di Aversa. “Passando al 4-3-3 – ricorda – affermai che era lo schema che in quel momento ci dava le giuste garanzie. Dopo il mercato e dopo una serie di valutazioni, abbiamo deciso di riportare in piedi l’altro tipo di discorso”. Così i Lupi affronteranno il Poggibonsi con maggiore equilibrio tra i reparti, ma probabilmente con un calciatore offensivo in più. Se a difesa di Frattali giocheranno Bigoni, Blondett, Guidi e Mannini, la linea dei centrocampisti dovrebbe perdere una mezzala a vantaggio di un esterno offensivo, sempre che il trainer abruzzese non voglia schierare Criaco largo a sinistra. Ad oggi, però, è Napolano ad essere in pole position per partire titolare lungo la corsia mancina. Dall’altra parte ci sarà l’inamovibile Alessandro. “I centrocampisti centrali potrebbero essere Asante e Corsi – continua il tecnico – Quest’ultimo ha fatto bene tutte le partite disputate con noi, tranne quella col Messina al pari degli altri compagni. L’attacco? Dovrebbe essere scoccata l’ora di Chinellato. Non so se toccherà a Mosciaro coadiuvarlo, ma vorrei tenere fresco De Angelis per il seconda tempo”. Grandi novità, pertanto, in un match da vincere ad ogni costo. “Ci mancano un paio di punti per raggiungere quota 50, ma già dopo l’Aversa mi ero esposto pubblicamente sottolineando che anche senza matematica potevamo considerarci in Prima divisione. Il nostro obiettivo adesso è arrivare primi e far tornare a sorridere i tifosi. E’ normale che si aspettino di più dalla squadra, ma anche noi ci aspettiamo molto da noi stessi. Ce la stiamo mettendo tutta, il problema è che staccando leggermente la spina poi diventa complicato riprendere una marcia spedita. Che penso delle frenate di Teramo e Casertana? Mal comune mezzo gaudio, ma meritiamo tutti una tiratina di orecchie”. Chiusura dedicata agli avversari: “Domenica hanno disputato un’ottima partita pur non trovando il gol. Possiedono un organico giovane puntellato da qualche elemento di esperienza. Il Poggibonsi ha sempre fatto ottimi campionati, mentre quest’anno ha sofferto un po’ più del dovuto. Per salvarsi dovrà mettere la quarta”.  (Luca Sini)

Related posts