Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, il ritorno di Meduri. Il centrocampista agli ordini del Capp

Cosenza, il ritorno di Meduri. Il centrocampista agli ordini del Capp

Doppia seduta per i rossoblù, assente il solo Alessandro ancora influenzato. Palestra per Criaco, Mosciaro regolarmente in gruppo. L’ex Foggia inizia il differenziato.
bruni e meduriIl professore Roberto Bruni e Fabio Meduri che è tornato al San Vito oggi pomeriggio
Doppia seduta per i rossoblù allenati da Roberto Cappellacci. Il Cosenza di mattina ha corso e sudato presso la struttura del Marca svolgendo prevalentemente degli esercizi di natura atletica a cui ha preso parte anche Calderini. Il fantasista comunque non sarà disponibile per la trasferta in terra d’Abruzzo a causa del problema alla cavità orbitale che si porta dietro da settimane. Criaco, invece, risente ancora della botta alla coscia rimediata contro il Poggibonsi e sta tenendo un po’ sulle spine il proprio allenatore. Un suo eventuale forfait non creerebbe grossi grattacapi perché Giordano ha scontato la squalifica ed è pronto per tornare a vestire una maglia da titolare. L’unico assente era pertanto Alessandro, sempre alle prese con l’influenza che lo ha colpito ad inizio settimana. La notizia positiva è rappresentata dal rientro di Meduri dopo i grossi problemi alla schiena che lo hanno tenuto ai box per mesi. Il centrocampista, come comunicato dall’ufficio stampa, ha terminato le terapie svolte fuori città ed è prossimo a riprendere le attività di allenamento in modo differenziato. Oggi pomeriggio infatti è stato preso in consegna dal professor Roberto Bruni che ha impostato un lavoro personalizzato. La speranza è di rivederlo in campo per il rush finale di campionato o almeno nella Supercoppa di Seconda divisione, competizione destinata alle squadre vincitrici dei due gironi. Una sarà quasi certamente il Bassano, l’altra i tifosi dei Lupi sperano sia il Cosenza. Mosciaro, infine, era regolarmente in campo. Il capitano, passata la paura, si è messo regolarmente a disposizione di Cappellacci. La sua denuncia pubblica è stato un gesto forte e che testimonia l’attaccamento alla maglia, che del resto è quella della sua città. Per domani prevista la classica partitella del giovedì. Si disputerà in famiglia preso lo stadio San Vito. (Luca Sini)

Related posts