Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Capp manda sms: “Io faccio questo mestiere. A Cosenza o altrove devo lavorare…”

Il Capp manda sms: “Io faccio questo mestiere. A Cosenza o altrove devo lavorare…”

L’allenatore: “Nessun contatto con la società per ciò che concerne il rinnovo”. Poi snobba la festa-promozione. “La matematica non mi interessa, a me farebbe piacere celebrare il primo posto vincendo all’ultima giornata contro il Teramo”.
capp a chietiCappellacci in occasione della partita di domenica giocata a Chieti (foto shartella)
Roberto Cappellacci parla in conferenza stampa dopo il pareggio di domenica contro il Chieti e seppure il risultato  sia arrivato in rimonta, l’allenatore rossoblù sottolinea il carattere e le volontà mostrata dai suoi nel recuperare l’iniziale svantaggio. “Non credo che si possa fare una sintesi diversa da quella di una gara dal doppio volto: nel primo tempo con quello del Chieti, nella ripresa del Cosenza – afferma il Capp – Siamo partiti a rilento, abbiamo fatto diversi errori come nell’occasione del primo goal dove abbiamo dormito mentre nella ripresa loro si sono tirati un po’ indietro e noi abbiamo provato a fare qualcosina. Non nascondo il fatto che probabilmente sia stato un pareggio fortuito, ma è sotto gli occhi di tutti e anche i risultati lo testimoniano, che nel girone di ritorno siamo calati tanto anche se ci stiamo mettendo la volontà di non mollare mai: ci mettiamo mordente, tenacia, tutte qualità che domenica ci hanno permesso di portare il punto a casa”. La differenza col girone di andata in termini di rendimento è netta: “Noi siamo i primi ad essere ipercritici verso noi stessi e vogliamo sempre fare meglio rispetto a quello che stiamo facendo. La matematica? Non mi interessa, io ho festeggiato dopo l’Aversa ma da quella partita in poi l’obiettivo si è spostato sulla conquista del primo posto. Non sarà facile arrivarci perché viaggiamo a tre cilindri, ma anche tutte le altre davanti stanno facendo fatica. Le nostre dirette concorrenti mostrano le  stesse difficoltà e stiamo assistendo  ad un finale di campionato ancora più equilibrato rispetto all’inizio. Le motivazioni oggi la stanno facendo da padrone e contro il Gavorrano sarà tutto tranne che una gara semplice perché loro arrivano qua senza più nulla da perdere, con l’unica speranza attaccata al vincere tutte le restanti partite e giocheranno col sangue agli occhi come hanno fatto, vincendo, contro Foggia e Castel Rigone ad esempio. Noi vogliamo vincere la partita e spero di poter festeggiare il primo posto in casa, contro il Teramo, nell’ultima giornata di campionato”. Inevitabile il riferimento al rinnovo di contratto che ancora non c’è. “Se penso al futuro? Certo che ci penso, mi piacerebbe rimanere, ma per ora non ho notizie in merito. Non ho avuto  contatti con altre squadre, ma io faccio questo lavoro, metto in conto di poter andare da un’altra parte e mi interessa solo di lavorare perché ne ho bisogno, se sarà Cosenza o un’altra piazza vedremo in futuro”.  (Mariella Lonoce)

Related posts