Tutte 728×90
Tutte 728×90

Lotta al primo posto infuocata. Ecco la situazione negli scontri diretti

Lotta al primo posto infuocata. Ecco la situazione negli scontri diretti

Sulla carta la Casertana ha il calendario più semplice, ma un arrivo a pari punti la condannerebbe. Al Cosenza potrebbe non bastare battere soltanto il Teramo. Il Messina ci crede fortemente.
sottocurvagavorrLa squadra sotto la Bergamini dopo una vittoria. Sarà lo stesso il 4 maggio? (foto mannarino)
A due giornate dalla fine si è infuocata la lotta per il primo posto che coinvolge le tre co-capoliste Teramo, Casertana e Cosenza (appaiate a quota 54), più le due outsider Messina (51) e Foggia (50). Di queste cinque formazioni chi sta meglio è sicuramente la formazione allenata da Gianluca Grassadonia che, grazie ad un girone di ritorno pazzesco, è riuscita a stabilizzarsi nelle posizioni alte della graduatoria.

Il regolamento della Lega Pro, in caso di arrivo a pari punti, per decretare l’ordine esatto della classifica prevede che vengano tenuti in considerazione nell’ordine i punti conseguiti negli incontri diretti; la differenza tra le reti segnate e quelle subite negli stessi incontri; la differenza fra reti segnate e subite negli incontri diretti fra le squadre interessate; la differenza fra reti segnate e subite nell’intero Campionato; il maggior numero di reti segnate nell’intero Campionato; il minor numero di reti subite nell’intero Campionato; il maggior numero di vittorie realizzate nell’intero Campionato; il minor numero di sconfitte subite nell’intero Campionato; il maggior numero di vittorie esterne nell’intero Campionato; il minor numero di sconfitte interne nell’intero Campionato.
TERAMO (54). Domenica affronterà in casa il Messina, poi all’ultima giornata giocherà a Cosenza: è la prima della classe, ma ha un calendario proibitivo. Negli scontri diretti è avanti col Foggia (2-0 e 1-1) e momentaneamente col Cosenza (3-0), in parità con la Casertana (0-0 e 0-0) e momentaneamente col Messina (1-1 al San Filippo).
COSENZA (54). Non attraversa un buon momento di forma. Tra tre giorni giocherà sull’infuocato campo del Martina e il 4 maggio ospiterà il Teramo al San Vito. Negli scontri diretti è avanti con la Casertana (0-1 al Pinto e 2-2), è in pareggio col Messina (0-0 e 0-0), è dietro col Foggia (1-1 e 1-0 allo Zaccheria) e momentaneamente col Teramo (3-0 in Abruzzo).
CASERTANA (54). Sulla carta ha gli impegni più semplici con Chieti in casa e Tuttocuoio fuori. Negli scontri diretti è quella messa peggio: è in parità con Teramo (0-0 e 0-0) e Foggia (0-0 e 1-1), mentre è dietro con Cosenza (0-1 e 2-2) e Messina (1-1 e 2-1 al San Filippo).
MESSINA (51). E’ la più in forma del campionato, ma per arrivare prima deve trarre il massimo dai match con Teramo e Martina e sperare in una serie di risultati favorevoli. Negli scontri diretti è avanti con la Casertana (1-1 e 2-1), in parità con il Cosenza (0-0 e 0-0) e momentaneamente col Teramo (1-1 in Sicilia), dietro con il Foggia (0-3 in riva allo Stretto e 1-2 allo in Puglia).
FOGGIA (50). Per trionfare dovrebbe vincere le gare contro Aversa e Chieti, sperare che le prime tre non vincano mai e che il Messina non faccia più di quattro punti. Negli scontri diretti è avanti col Messina (0-3 in riva allo Stretto e 1-2 allo in Puglia) e Cosenza (1-1 e 1-0), in parità con la Casertana (0-0 e 1-1), dietro con il Teramo (0-2 e 1-1).

calendario1314 finale

Related posts