Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Teramo: le pagelle

Cosenza-Teramo: le pagelle

Asante, Napolano e Mosciaro in evidenza. Così come Frattali. Partipilo un fantasma al pari di Chinellato che non incide quasi mai. La difesa paga la rete subita su calcio piazzato.
calderini col teramoCalderini affronta Giannetti sotto gli occhi di Vivarini (foto mannarino)
Aver pareggiato alla fine, di fatto, condiziona la prestazione dei rossoblù che, per alcuni minuti, hanno accarezzato il sogno di chiudere in testa con Casertana e Messina o, meglio, di classificarsi al primo posto. Prestazione come sempre più che sufficiente per il portiere Frattali. Insieme a lui da segnalare l’ottima verve di Napolano e Asante. Mosciaro segna e illude.
FRATTALI: VOTO 6,5 Intervento prodigioso nella ripresa. Incolpevole sul gol. Come sempre dà sicurezza.
BIGONI: VOTO 5,5 Di Paolantonio è un cliente scomodo. Concede troppo spazio al suo dirimpettaio e questo costa caro in alcune situazioni.
PEPE: VOTO 5,5 Una gara dove poteva far meglio. L’ammonizione è giusta, il fallo era brutto.
GUIDI: VOTO 6 La sua esperienza si sente e se il Teramo non riesce a capitalizzare al meglio è anche merito suo. E’ lui ad iniziare l’azione che permette a Mosciaro di mettere a segno la rete del vantaggio.
PALAZZI: VOTO 5,5 Stesso discorso fatto per Bigoni. Ci si aspettava di più soprattutto in fase difensiva.
CORSI: VOTO 6 Più dinamico rispetto ad altre circostanze. Manca di freddezza sotto porta nella ripresa.
MEDURI: VOTO 5,5 Un passo indietro rispetto alla gara di Martina. Gioca a tratti anche se gli va riconosciuto la grande tenacia in mezzo al campo.
ASANTE: VOTO 6,5 Il migliore della mediana silana. Corre come un dannato e recupera una miriade di palloni.
PARTIPILO: VOTO 5 Sostituito giustamente a fine primo tempo. Quasi sempre fuori dal gioco, si mette in mostra in una circostanza con un’azione individuale. Troppo poco per raggiungere finanche la sufficienza.
CHINELLATO: VOTO 5 Fa a sportellate. Per il resto nulla da segnalare, anzi i suoi centimetri non servono nel finale dato che il Teramo arriva sempre prima sui calci piazzati in area rossoblù.
NAPOLANO: VOTO 6,5 E’ il più vivo della formazione di casa. E’ l’unico che prova a puntare l’uomo per cercare la superiorità. Impreciso sui calci piazzati.
CAPPELLACCI (IN PANCHINA IANNI): VOTO 6 Peccato per il gol incassato nel finale su punizione. Per il resto il Cosenza è ordinato e, se non fosse per la distrazione finale, a quest’ora i Lupi sarebbero in testa con Casertana e Messina. Il primo posto, visto il finale di stagione, era certamente a portata di mano.

subentrati:
CARRIERI: VOTO 5,5 Schierato al posto di Palazzi non riesce a far meglio anche se gioca in un ruolo non suo. Nel finale il Teramo sfonda sempre dalle sue parti.
MOSCIARO: VOTO 6,5 Segna il gol che illude i tifosi. Ha il merito di crederci fino alla fine e di entrare in partita per dare la scossa al match.
CALDERINI: VOTO 6 E’ suo il cross basso per il gol di Mosciaro. Dinamico e nulla più.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it