Tutte 728×90
Tutte 728×90

Frattali: “Il mio rinnovo? Il Cosenza deve risolvere prima altre questioni”

Frattali: “Il mio rinnovo? Il Cosenza deve risolvere prima altre questioni”

ll portiere rossoblù è chiaro: “La mia priorità restano i rossoblù, ma il club immagino debba scegliere ancora il direttore sportivo e il tecnico. Se aspetterò a lungo? Non sarebbe giusto per la mia famiglia protrarre per tanto tempo la loro preoccupazione: mi è gà capitato”.
cosenza-teramo2Frattali dà indicazioni alla retroguardia durante un calcio piazzato nel finale (foto mannarino)
Anche il portierone rossoblù Gigi Frattali commenta il primato del Messina. “Vederlo primo e noi al quarto posto fa un effetto strano. La classifica, tuttavia, lascia il tempo che trova perché, se avessimo dovuto giocarci qualcosa, saremmo arrivati noi in vetta o al massimo secondi. Di certo non avremmo incassato dei gol come quelli presi contro il Martina oppure oggi pomeriggio”. Il numero uno del Cosenza è amareggiato per non aver chiuso nella posizione più consona una stagione fantastica. “La nostra promozione è arrivata il giorno del centenario, pertanto quasi tre mesi fa con l’Aversa. L’importante è essere stati lì sopra fino alla fine e aver centrato il salto di categoria. A tal proposito voglio ringraziare tutti, giornalisti compresi che ci hanno sempre spronato. Marino e Condò sono stati molto importanti per me e per il mio rendimento al San Vito”. Impossibile con lui non affrontare l’argomento mercato dato che è in scadenza. “Ho il telefono reperibile 24 ore su 24, ma vanno risolte altre situazioni come ad esempio il direttore e l’allenatore. Spero che Cappellacci rimanga a Cosenza: merita di poter disputare Lega Pro Unica alla guida dei Lupi”. Ancora nessun contatto col club. “La mia priorità è il Cosenza e le voci di mercato sul sottoscritto sono soltanto dei sondaggi. Fosse per me firmerei per cinque anni – scherza – Fin quando aspetterò? Per noi giocare a calcio è un lavoro, quindi prima conoscerò la mia destinazione futura e meglio sarà: la mia famiglia è giusto che non aspetti lungo e che non si preoccupi come negli anni scorsi”. (Luigi Brasi)

Related posts