Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallavolo, Cosenza si affida a Scaldaferri. Ma l’addio di Marano brucia…

Pallavolo, Cosenza si affida a Scaldaferri. Ma l’addio di Marano brucia…

L’ex coach è stato sostituito da quello che era il suo vice. Sulle cause del divorzio pare sia pesata in maniera decisiva la volontà di una parte dello spogliatoio. A nulla sono serviti i grandi risultati ottenuti in un anno di giuda tecnica.
scaldaferri parla alla squadraScaldaferri, da vice di Marano, mentre parla al gruppo rossoblù (foto as pallavolo cosenza)
La panchina che fu di Fabrizio Marano è passata, come spesso avviene in casi del genere, al suo vice. Così la scelta, abbastanza scontata visto i nuovi equilibri interni che si stanno delineando, è ricaduta su Massimiliano Scaldaferri. Il nuovo coach ha già diretto i primi allenamenti ed ha chiesto ai suoi uomini di dare il massimo nella semifinale playoff che ancora non ha partorito un avversario per la DeSetaCasa Conad Vena. Almeno altre due settimane di attesa, giusto il tempo che le peggio classificate si scontrino tra di loro. Solo una, infatti, tra il Cagliari Volley (seconda nel girone B) e il Caloni Agnelli Bergamo (terza nel girone A) si presenterà poi al PalaFerraro mercoledì 28 maggio per cullare il sogno-finale, ma con lo svantaggio del campo in caso di spareggio. Tornando, tuttavia, al terremoto che ha scosso il volley cittadino in settimana, giusto ricordare che il benservito a Marano (perché di questo si tratta, comunicati di facciata a parte, ndr) arriva a margine di un anno fantastico. Non solo il coach aveva contribuito con merito al raggiungimento della salvezza nel torneo 2012-2013, ma nel campionato conclusosi domenica ha condotto i rossoblù a competere con squadroni del calibro di Alessano e Lamezia. Dai rumors raccolti a Via Popilia sembra che parte della squadra gli abbia voltato le spalle per degli equilibri saltati all’interno dello spogliato e che il conseguente e vibrante colloquio con la società abbia prodotto una versione ufficiale scarna di particolari da fornire alla stampa. Giusto per far passare il cambio di allenatore come una scelta condivisa dalle parti. Il club e il suo ds Zuccotti si dicono tranquilli e concentrati sull’obiettivo, ma quando arriva un temporale c’è sempre qualche avvisaglia ad annunciarlo. Perfino l’ex coach Zoran Jeroncic ha sentenziato su Facebook: “Che successo personale il mio, sono rimasto a Cosenza quattro stagioni: un record!”. E per dirlo lui, vuol dire che le relazioni sentimentali tra dirigenza e allenatori al PalaFerraro negli ultimi tempi sono diventate quantomeno complicate… (Salvatore Mannarino)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it