Tutte 728×90
Tutte 728×90

De Angelis lancia lo sprint: “Cosenza, voglio esserci per il ritiro”

De Angelis lancia lo sprint: “Cosenza, voglio esserci per il ritiro”

L’attaccante si è posto l’obiettivo di essere in buone condizioni per la fine di agosto. “Cappellacci ha meritato la riconferma, mentre Meluso ha sempre collaborato con club importanti. In Prima divisione saranno determinanti i dettagli, ci aspetta un torneo difficile”.
de angelis col chietiL’attaccante Gianluca De Angelis ha un contratto fino a giugno 2015 (foto mannarino)
Gianluca De Angelis vuole bruciare le tappe e recuperare in un lampo per onorare al meglio il suo contratto, ancora lontano dalla scadenza (giugno 2015). L’attaccante più prolifico del Cosenza (11 gol in 27 match disputati) sta seguendo il programma di riabilitazione a Scalea. Il grave infortunio al ginocchio che si è procurato il 26 marzo in allenamento lo ha costretto ad operarsi e a saltare il rush finale di campionato. Un torneo, però, che era già stato vinto dai rossoblù anche e soprattutto grazie ai suoi centri. Il bomber sta seguendo un programma di recupero personalizzato, svolgendo intense sedute di fisioterapia a Scalea: le cose a quanto pare stanno andando per il verso giusto. “L’infortunio non mi ha spaventato – spiega dalle colonne della Gazzetta del Sud – Sto lavorando  duramente per tornare più forte e motivato di prima. Spero di partire insieme ai miei compagni a luglio e svolgere con loro il ritiro. A fine agosto conto di essere in buone condizioni fisiche. La società mi è abbastanza vicina anche se negli ultimi giorni ho sentito il presidente soltanto per altre questioni”. Nel frattempo in città, dopo la riconferma di Cappellacci che viaggia verso la firma di un biennale, tiene banco il toto-ds. Ad essere in pole è Mauro Meluso. “Non lo conosco personalmente – spiega il centravanti campano – ma è di sicuro un dirigente molto preparato. Ha sempre collaborato con squadre di categorie importanti e conosce alla perfezione il campionato che affronteremo”. Più articolato, invece, il pensiero sull’allenatore. “Sono contento di poter lavorare ancora con Cappellacci. Credo meritasse di restare per i risultati ottenuti. Ha centrato la promozione, tagliando per primo il traguardo. È vero che nelle ultime giornate abbiamo avuto una flessione ma va sottolineato che tanti infortuni hanno condizionato il nostro finale di stagione”. La chiusura è dedicata alla Prima divisione, categoria disputata già tante volte da De Angelis. “Ci attende un torneo difficile. Dobbiamo farci trovare preparati. Per esperienza posso dire che è un campionato in cui sono determinanti i dettagli, per cui è importante programmare fin da ora, senza lasciare niente al caso. Serve esperienza per fare bene”.  (co. ch.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it