Tutte 728×90
Tutte 728×90

Guarascio: “La Lega Pro ci sta stretta, ma quest’anno puntiamo a salvarci”

Guarascio: “La Lega Pro ci sta stretta, ma quest’anno puntiamo a salvarci”

Il presidente: “Cappellacci ha firmato un biennale con il Cosenza. Entro una settimana annunceremo anche il nuovo direttore sportivo”. Il Capp: “Tifosi, diamoci una mano a vicenda”.
guarascio palcoGuarascio, Cappellacci e Mosciaro sul palco della “Festa dei Lupi” (foto mannarino)
Nel cuore della città vecchia i tifosi si sono stetti ancora una volta intorno alla propria squadra del cuore. Non erano tantissimi, circa 400, ma comunque fieri di quanto fatto dai loro beniamini nel corso della stagione. La “Festa dei Lupi” è iniziata con ritardo a causa del cartellone del teatro Rendano, ma l’introduzione del video del Centenario e il “Magico Cosenza” cantato da Mario Gualtieri hanno sciolto subito i presenti che hanno preso ad osannare Gigi Marulla che da lì a qualche minuto sarebbe salito sul palco insieme a Patrizia De Napoli. Nel ricordo di Piero Romeo,  l’associazione che porta il suo nome ha regalato alla serata sorrisi e risate con uno sketch esilarante che raccontava “la trasferta” a Catanzaro di Pilerio, un cosentino medio. L’aria di derby è calata sulla piazza con i primi cori di sfottò verso le Aquile  e i cugini dello Stretto, che sono diventati davvero fragorosi nel momento in cui i protagonisti sportivi sono saliti sul palco. “Sono consapevole di aver assisto ad una grande stagione – ha detto il presidente Eugenio Guarascio – I ringraziamenti vanno dal mister ai calciatori. Noi siamo arrivati primi ed in Lega Pro c’eravamo già il 23 febbraio. Non dimenticherò mai la cornice di pubblico di quel pomeriggio. Ora stiamo lavorando e con il tecnico abbiamo raggiunto l’accordo per un contratto biennale. Nel giro di cinque o sei giorni daremo invece l’annuncio del futuro direttore sportivo. Si stanno facendo vedere tanti operatori di mercato in città e questo ci gratifica, pondereremo bene la scelta. Per quanto concerne i derby noi faremo il massimo in campo per vincerli, ma serve unita ed è quello che vi chiedo. Che squadra allestiremo? Dobbiamo stare sempre con i piedi per terra. A Cosenza ho capito che la salute della società è la cosa più importante. Noi in Lega Pro ci stiamo stretti, ma l’anno prossimo disputeremo un torneo per mantenere la categoria”.  Visibilmente emozionato Cappellacci fresco di firma, che non si è tirato indietro al famoso chinonsaltaè. “Le cose sono andate bene, superando anche la gara con l’Aversa che arrivó in un momento per noi particolare. Vorremmo avere tutta quella gente ogni domenica, ma dipende da noi. Vivere qua è bello, la gente splendida. Adesso è il momento di programmare tutti insieme e di darci una mano a vicenda”. Ovazione, infine, per Mosciaro. “Stasera mi sembra di essere tornato indietro alla domenica. Aspetto con ansia l’inizio del campionato perché ci saranno tante battaglie da affrontare”. Sul palco pure l’amministratore delegato Domenico Quaglio, il team manager Marulla, il vice del Capp Marco Ianni, il preparatore atletico Robero Bruni e quello dei portieri Franco Viola. (Luca Sini)

Related posts