Tutte 728×90
Tutte 728×90

Calderini: “Su dI me scritte delle falsità. Sono sempre in contatto con Meluso”

Calderini: “Su dI me scritte delle falsità. Sono sempre in contatto con Meluso”

Il fantasista rossoblù sottolinea: “Sono un calciatore del Cosenza a tutti gli effetti e se nei prossimi giorni vedrò il direttore è solo per alcuni dettagli che riguardano il mio contratto”.
calderini col chietiCalderini in azione durante il match casalingo contro il Chieti (foto mannarino)
Elio Calderini è stato uno dei giocatori non solo più rappresentativi, ma senza dubbio più amati nell’anno della rincorsa del Cosenza alla Lega Pro Unica. Lo stesso giocatore questo affetto l’ha sentito, l’ha apprezzato e ne è rimasto affascinato visto che lo scorso gennaio, nonostante le lusinghe di diverse squadre anche piuttosto vicini a casa, ha deciso di rimanere e rinsaldare quindi un rapporto fresco ma già profondo con i supporter rossoblu. “È vero – spiega Calderini a CosenzaChannel.it – A gennaio, nonostante un’offerta economica importante (del Castel Rigone, ndr) e situazioni familiari che mi spingevano verso casa, sono rimasto non solo per la squadra e l’obiettivo, ma soprattutto per la gente. Ho sentito intorno a me tanta stima e affetto e avevo quindi voglia di compiere il mio dovere e ricambiare la stima dimostratami nell’unico modo in cui potevo farlo”. Le voci che si rincorrono sul conto del fantasista sono diverse, ma è lui stesso a mettere ordine. “Voglio restare qui, sono un giocatore del Cosenza a tutti gli effetti e nei prossimi giorni incontrerò Meluso per definire quelli che sono solo dettagli che riguardano la mia situazione contrattuale. Il mio procuratore e il direttore sono già in contatto e io non vedo l’ora di ricominciare. Proprio per questo mi è dispiaciuto sapere che oggi un giornalista di Cosenza ha scritto che Meluso non mi rispondeva, che lo cercavo da tempo senza avere risposta. A causa di tutto ciò ho avuto un piccolo sfogo su Facebook perché penso che chiunque, soprattutto chi fa il vostro lavoro, dovrebbe sentire i diretti interessati prima di scrivere falsità, queste cose non fanno bene al calcio”.  Calderini del resto è uno piuttosto attivo sui social network dove negli scorsi giorni ha mostrato vicinanza anche a Franco Viola, ex preparatore dei portieri. “Ho inteso esprimere vicinanza umana al mister, ma ovviamente non commento la scelta tecnica che sicuramente avrà le sue validissime ragioni. Con Franco avevamo instaurato un rapporto bellissimo che andava al di là del campo, eravamo vicini con le famiglie e ho voluto fargli sapere che gli voglio bene e che lo stimo profondamente”. Calderini infine si proietta al prossimo torneo ed ha l’acquolino in bocca. “Sarà un campionato bellissimo, una stagione che qualsiasi calciatore vorrebbe vivere perché ci saranno squadre di valore. Solo per il Cosenza sono pronti tre caldissimi derby e palcoscenici importanti come quelli pugliesi o campani. Bisogna essere attenti e farsi trovare pronti ogni domenica. Immagino un tasso tecnico ed agonistico molto alto e io sono pronto a tutto. Cosa servirebbe al Cosenza? Servirà tanta qualità e competenza, ma con un direttore come Meluso non mi sento di dare consigli perché è una persona che di calcio sa tantissimo. Io l’ho già avuto a Frosinone, anche se ero molto giovane, e so quello di cui parlo. Con lui come ds il Cosenza parte già con una marcia in più. Adesso mi godo un po’ di vacanze, dal 28 sarò qualche giorno a San Benedetto con la mia famiglia e poi pronti per il ritiro a Norcia di cui sono entusiasta perché ci sono già stato qualche volta e vi assicuro che è un posto ideale dove svolgere il precampionato”. (Mariella Lonoce)

Related posts