Tutte 728×90
Tutte 728×90

Ricordate Bega? Quanta strada ha fatto dopo Cosenza: sarà ds del Genoa

Ricordate Bega? Quanta strada ha fatto dopo Cosenza: sarà ds del Genoa

Elegante difensore centrale della promozione in B nella stagione ’97-’98, l’anno scorso tornò in città per incontrare Ciccio Marino ad un raduno di giovani calciatori al Marca.
bega genoaFrancesco Bega, a sinistra, con Stefano Eranio e Michele Sbravati
Ricordate Francesco Bega? Transitò dal San Vito nella stagione 1997-1998 culminata poi con il ritorno immediato in Serie B. Difensore centrale, tanto elegante quanto rude in alcune situazioni, fu una piacevole intuizione dell’allora presidente Pagliuso e del ds Castagnini. Era uno dei pezzi pregiati del gruppo, se non fosse che per alcune divergenze con il tecnico Giuliano Sonzogni lasciò Cosenza poco dopo l’inizio del torneo seguente di B. In carriera di strada ne ha fatta tanta, arrivando a collezionare un centinaio di presenze in Serie A con le maglie di Cagliari, Genoa e Brescia. Lasciò un piacevole ricordo soprattutto a Genova dove, appese le scarpette al chiodo, entrò nei quadri dirigenziali per ciò che concerne il settore giovanile dei Grifoni. Ha scalato posizioni rapidamente l’ex stopper dei Lupi tanto che da team manager è passato rapidamente ad essere il principale collaboratore di Michele Sbravati, responsabile del vivaio dei liguri. Tornò a Cosenza l’anno scorso a metà novembre in occasione di un raduno per giovani calciatori organizzato dalla scuola calcio cosentina Marca. Fu in quell’occasione che ha rivisto il suo amico Ciccio Marino con cui, fianco a fianco in panchina, seguirono l’evolversi delle partitelle. Parlano anche di mercato i due, in particolar modo di Orlando Held (’95) e Said Ahmed Said (’93): due pedine che l’ex dg avrebbe voluto per Cappellacci a gennaio. Non se ne fece nulla solo per i suoi rapporti ormai incrinati col club. Ad ogni modo, Bega nei giorni scorsi è salito alla ribalta delle cronache per essere finito al centro di una contesa niente male tra il presidente Enrico Preziosi e l’ad del Milan Adriano Galliani. La Gazzetta dello Sport ha rivelato, infatti, che in virtù della consolidata amicizia tra i due, l’alter ego di Barbara Berlusconi non se l’è proprio sentita di fare uno sgarbo all’amico, patron del Genoa. Da tempo gli uomini dell’area tecnica rossonera avevano messo gli occhi su Francesco “Ciccio” Bega, che intanto da collaboratore di Sbravati è diventato il direttore sportivo del settore giovanile rossoblù. Cura il mercato dei giovani, va in giro a cercare talenti, si occupa di tutta la logistica e dei tecnici. Un lavoro certosino e improntato sulla professionalità, non gli è mai mancata da calciatore, e sulla competenza che ha affinato da quando ha deciso di risolvere in anticipo il contratto col Brescia per tornare dal padrino Preziosi che lo conobbe al Como. “I miei mi hanno detto di Bega, è vero lo volevamo prendere al Milan, ma è giusto lasciarlo a Enrico che è un amico” ha detto Galliani. “E’ bravo, è un gran lavoratore e ce lo teniamo stretto, va bene andiamo Adriano”, ha ribadito l’altra notte fuori dal ristorante dopo la cena in onore di Carlo Tavecchio Enrico Preziosi. Che tra poco promuoverà Bega: ds della prima squadra del Genoa. Ed anche Cosenza può sorridere, in fondo fu anche meritò dell’erbetta magica del San Vito… (Luigi Brasi)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it