Tutte 728×90
Tutte 728×90

Dal primo gol di Zuccaro a Guidoni passando per Padovano. I precedenti a Salerno

Dal primo gol di Zuccaro a Guidoni passando per Padovano. I precedenti a Salerno

Domenica sarà la gara numero 40 all’Arechi, con i padroni di casa avanti 25-3. I pareggi sono 11. Nell’85-’86 a decidere l’incontro per i campani fu una rete di… Mauro Meluso!
guidoni tamtamGuidoni beffa Soviero nel 2001. Il gol immortalato su una copertina del Tamtam
Salernitana-Cosenza è una sfida vecchia quanto la notte dei tempi. Il bilancio dei match disputati in Campania è nettamente in favore dei padroni di casa che su 39 incontri ne hanno fatti loro 25. I rossoblù, a partire da quel gol di Padovano nel 1988, hanno trionfato solo in tre occasioni. Undici, infine, i pareggi. Quella di domenica sarà pertanto la quarantesima volta che i Lupi affronteranno i granata lontani dalla Calabria, senza ovviamente tenere conto dello spareggio di Pescara. La prima volta fu nel 1931 nel torneo di Prima divisione. Correva l’ultima giornata e la Salernitana, che arrivò prima in campionato ma che non conquistò la promozione a causa del regolamento dell’epoca, trionfò 4-0. L’anno dopo ecco il primo gol dei rossoblù: a realizzarlo fu l’attaccante Zuccaro, che però fu ininfluente visto il 2-1 finale. Dopo tre ko ed uno 0-0, nel ’36-’37 Lodi illuse i rossoblù portando sul doppio vantaggio gli ospiti, ma il 2-2 rese onore all’ardore dei locali. Si andò avanti a suon di 3-0 e pochi pareggi per i Lupi fino all’inizio degli anni ’60. Nemmeno con la squadra lanciata verso la promozione in B, il Cosenza capolista uscì indenne da Salerno: nel ’60-’61 finì 2-0. Chiusa l’esperienza tra i cadetti, i calabresi ritrovarono la sua bestia nera nel Girone C della Serie C. Il torneo ’65-’66 fu indimenticabile, ma la Salernitana riuscì a spuntarla al termine di un mozzafiato testa a testa . L’ultima giornata vedeva il Cosenza impegnato a Torre Annunziata, campo che fu espugnato grazie ad una doppietta di Pozzobon, mentre i granata ebbero la meglio della Sambenedettese. Entrambe chiusero a 48 punti, ma con i campani che dovevano recuperare il match con l’Aquila. Grazie ad un comodo pareggio staccarono il biglietto per il paradiso. In campionato finì a 0-0. Particolarmente rilevante il match dell’85-’86 quando il 2-0 granata fu firmato da Toto De Vitis e dall’attuale direttore sportivo rossoblù Mauro Meluso. Il 17 aprile del 1988 è invece una data indimenticabile per ogni tifoso del Cosenza, con Padovano che ammutolì il Vestuti lanciando i Lupi in B. Dopo il 5-2 del 1994, l’anno dopo il Cosenza fece visita all’Arechi alla prima giornata, perdendo 1-0 (De Silvestro), mentre l’anno successivo finì 0-0 con la retrocessione dei calabresi a fine stagione. Gli altri blitz dei Lupi nel 2000-2001 (0-1 Guidoni) e nel 2002-2003 (1-2 Lentini e ancora Guidoni). Dopo 11 anni riecco una delle classiche del meridione. (Luigi Brasi)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts