Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, i retroscena dell’addio di Quaglio

Cosenza, i retroscena dell’addio di Quaglio

L’ex ad non condivideva l’idea di blindare Cappellacci e il suo staff per due anni. In più ora è Guarascio, che voleva affidargli un altro ruolo, a prendere in prima persona ogni decisione. 
quaglio e guarascio al sivintoL’ex ad del Cosenza Quaglio con il presidente Eugenio Guarascio (foto mannarino)
I retroscena dell’addio dell’avvocato Domenico Quaglio affondano le radici nei mesi scorsi. Alla base del divorzio con il presidente Guarascio c’è ovviamente la visione differente sul contratto fatto sottoscrivere a Cappellacci, l’uomo forte di Via degli Stadi che è riuscito a far breccia nelle idee di chi mette mano al portafogli. L’ex amministratore delegato non ha condiviso, come ha sottolineato nella nota divulgata ieri pomeriggio, alcune decisioni prese dal massimo esponente del sodalizio di Via degli Stadi. Si riferisce all’accordo biennale che blinda il tecnico sulla panchina del San Vito insieme ai suoi collaboratori. I due nello scorso torneo sono entrati in conflitto a causa dei rispettivi caratteri, per nulla compatibili. Al momento della firma il Capp fu chiaro con il patron, che dal canto suo assecondò le volontà del trainer abruzzese: niente ingerenze e massima autonomia di movimento. E’ stato in quel momento che Quaglio ha capito di non poter più esercitare in pieno i poteri che ne hanno caratterizzato l’incarico sin dal primo giorno e che Cappellacci avrebbe assunto da lì in avanti un ruolo di primissimo piano. Le dimissioni sono state firmate, accettate e ratificate nella settimana scorsa. Di comune accordo si è scelto di renderle però pubbliche dopo la partita di Barletta, a prescindere dal risultato del campo. A margine di una sconfitta pesantissima è normale che abbiano ora una risonanza maggiore ed amplifichino una situazione borderline che rischia di infiammarsi proprio nella settimana che porterà al derby col Catanzaro. La carica di amministratore delegato, ora vacante, non è certo che venga riassegnata nell’immediato; la cosa sicura è che, se dovesse esserci un nuovo ad, non godrà del raggio d’azione esercitato da Quaglio. E’ lo stesso Guarascio ad occuparsi in prima persona di ogni aspetto contabile del club e a svolgere le mansioni che prime delegava alla seconda carica del Cda. Pare, infine, che il presidente volesse continuare ad avvalersi in altri ambiti della collaborazione di quello che è stato per tre anni il suo braccio destro. L’epilogo della vicenda la dice lunga sulla diversità di opinioni e sul perché della rottura di un rapporto che sembrava solido fino a qualche mese fa. (Luigi Brasi)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it