ApprofondimentiCosenza Calcio

Cap…olinea!

– l’editoriale di Piero Bria
La gara contro la Lupa Roma ha mostrato tutta la pochezza dei rossoblù. Il colpevole principale di questa debacle? L’allenatore. Se il Cosenza non ha un gioco, se non ha mordente la colpa è solo di Cappellacci.
cappellacci fumaIl tecnico del Cosenza Roberto Cappellacci è finito sul banco degli imputati (foto mannarino)
La sconfitta contro la Lupa Roma è la sconfitta di uno pseudo-programma, quello di Guarascio, che vedeva in Cappellacci il condottiero capace di portare sulla Luna (leggi serie B) il nostro amato Cosenza.
Facciamo un passo indietro. Perrulli, esterno alto della Lupa Roma, prende il pallone e dalla propria area di rigore si invola per circa sessanta metri di campo senza che nessuno riesca a fermarlo.
Perché questa immagine è eloquente. Perché dimostra la mancanza di cattiveria agonistica della squadra rossoblu e del suo allenatore in primis. Fossimo stati in trasferta nessuno si sarebbe allarmato. Ma a casa nostra… a casa nostra no. Non c’è cosa peggiore di ritrovarsi in balia degli avversari in casa propria. Vuol dire che questa squadra non ha mordente, non ha personalità, non ha attributi. E chi dà ad una squadra la mentalità giusta per uscire dal torpore se non l’allenatore? Cappellacci è giunto al capolinea e l’ha fatto nel peggiore dei modi. Abbassando la testa e rilasciando meste dichiarazioni qualunquistiche che dimostrano come nel calcio non esista una coscienza. Perché dopo quello che è avvenuto contro la Lupa Roma bisognava soltanto rassegnare le dimissioni o quantomeno assumersi le responsabilità di un fallimento completo. Perché? La risposta è di una facilità disarmante. L’allenatore non ha in mano la squadra. La fotografia di quello che accade sta tutta nel finale di gara quando i giocatori, con in testa Mosciaro, si avviano sotto la Curva Sud coscienti che a riceverli non troveranno di sicuro applausi. E l’allenatore? Comodamente seduto in panchina a fumare e riflettere sulle dichiarazioni da fare in sala stampa. Diciamocelo chiaramente, Cappellacci ha avuto il tempo di lavorare con la squadra e l’ha fatto male, anzi malissimo. Perché il Cosenza non ha un gioco, non ha un’identità. E’ figlio dell’ostinazione di un tecnico che non utilizza gli uomini adatti (Fornito, Tortolano, Mosciaro stesso meriterebbero più spazio) e che si fossilizza su un modulo che è la rovina totale di questa squadra (anche la Lupa Roma ha giocato con il 4-3-3 ed ha mostrato a Cappellacci i movimenti basilari di un modulo dove i centrocampisti si inseriscono e segnano, i terzini si sovrappongono e gli esterni alti puntano i propri dirimpettai per cercare di trovare la superiorità). Ma non solo. Ritorniamo sulla questione del “polso della squadra”. Siamo nel break di Cosenza-Lupa Roma. Dagli spogliatoi devono ancora rientrare le squadre. Tutti si immaginano Cappellacci che striglia i suoi, che chiede di più, che prova a tirare fuori il massimo da Mosciaro e compagni. E invece? E invece Cappellacci esce con cinque minuti di anticipo rispetto ad avversari e calciatori rossoblu. Lo fa con la testa bassa. Ma come, l’allenatore che deve motivare i calciatori e uscire per ultimo cercando di trascinare la folla cosa fa? Esce prima e lascia la squadra sola nello spogliatoio a cercare di trovare quella determinazione che di regola infonde un allenatore? Che sia il presidente Guarascio a rispondere. Perché di sicuro Cappellacci non si dimetterà tranne colpi di scena troppo rari nel mondo del calcio.

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina