Tutte 728×90
Tutte 728×90

Casertana-Cosenza: l’avversario

Casertana-Cosenza: l’avversario

Gli uomini di Gregucci si schierano con il 4-2-3-1 e dopo un inizio stentato sta venendo fuori la grande qualità del gruppo con i vari Mancino, Cissè, Carrus e Alessandro.
carrus casertanaCarrus è il capitano della Casertana allenata da Angelo Gregucci (foto areacasertana.it)
Una vittoria che ha scacciato la crisi e rinsaldato la panchina di Angelo Gregucci. I tre punti conquistati al “Marcello Torre” di Pagani hanno permesso alla Casertana di tirare il fiato. Dopo una Tim Cup di alto livello, infatti, i falchetti avevano stentato ad imporsi nelle prime tre uscite di campionato. Le vittorie di Reggio Calabria e Crotone, e il terzo turno di Coppa Italia giocato al Manuzzi con il piglio della grande: tutto questo sembrava essere lontano anni luce. Nel giro di tre partite i rossoblu sembravano essere riusciti ridimensionati. Minuti finali fatali con Reggina, Aversa Normanna e Juve Stabia: nei primi due casi Mancino e soci avevano visto sfumare la vittoria, contro gli stabiesi, invece, la sconfitta era arrivata all’86’. A Pagani, insomma, la Casertana ha rialzato la testa grazie ai gol di Idda e Cisse ed ora va alla ricerca di conferme nell’atteso turno infrasettimanali con i fratelli del Cosenza. 4-2-3-1: questo il modulo prescelto da Gregucci sin dal primo giorno di ritiro. In difesa rientrerà Riccardo Idda dalla squalifica rimediata contro la Juve Stabia. Il centrale sardo prenderà posto al fianco di Michele Murolo. A destra spazio ancora a Francesco Bruno che proprio lo scorso anno al San Vito di Cosenza sfoderò la migliore prestazione della sua esperienza in rossoblu. A sinistra Bianco scalpita ed è pronto a riprendersi la maglia che a Pagani era finita sulle spalle di Chiavazzo. A centrocampo Carrus prenderà le redini del gioco, ma al suo fianco anche questa volta non ci sarà Francesco Marano, fermato da un infortunio al ginocchio. Dopo la buona prova del ‘Torre’, De Marco potrebbe conquistare ancora una maglia da titolare. In avanti spazio a Cisse. Lo scorso sabato il guineano era tornato a disposizione dopo uno stop di 40 giorni. Entrato al posto di Diakitè nel primo tempo, l’attaccante ha impiegato poco per trovare la prima rete. Alle sue spalle non mancano i dilemmi: Mancino era finito in tribuna a Pagani, mentre Alessandro non aveva mostrato spunti interessanti. Staffetta? Chissà. Mancosu potrebbe essere confermato nel trio di mezzepunte, così come Alvino. (Salvatore Mannarino)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts