Tutte 728×90
Tutte 728×90

Fornito: “L’emozione del derby non la dimenticherò mai”

Fornito: “L’emozione del derby non la dimenticherò mai”

Il centrocampista del Cosenza: “Quando stavo in panchina non ho mai smesso di pensare positivo, indossare questa maglia per me che sono cosentino è il massimo. Ora vinciamo a Reggio”.
fornito a caserta Fornito nel giorno del suo esordio a Caserta. Si è confermato nel derby (foto shartella)
In due presenze appena Giuseppe Fornito ha già dimostrato il proprio valore. Voti positivi in pagella sia a Caserta che nel derby contro il Catanzaro. «Prima sono stato in panchina, ma non ho mai smesso di pensare positivo. Il treno sarebbe passato e farsi trovare pronto era la cosa a cui tenevo maggiormente. Giocare con il Cosenza è una grande responsabilità, stavo aspettando il mio momento. Io da regista? No, sono una mezzala ma devo adattarmi a fare ogni cosa. Il centrocampista moderno non può non saper svolgere una fase». Il suo inserimento è stata tra le note più liete registrate nell’ultima settimana. «A livello personale sono soddisfatto, mentre a livello di squadra ho notato molta sfortuna, a Caserta soprattutto. L’atteggiamento è stato positivo in entrambi i match: contrasti vigorosi e voglia di vincere le partite. E’ ovvio, però, che l’emozione vissuta col Catanzaro è stata diversa». Fornito, classe ’94 ed unico cosentino in organico con Mosciaro, ha vissuto da tifoso l’approccio al derby. “Già nel riscaldamento vivevo un sogno e lo ricorderò per tutta la vita, specialmente a margine della buona prestazione che credo di aver offerto. Per un cosentino indossare la maglia rossoblù è il massimo e l’emozione che deriva dall’apporto dei nostri tifosi è ancora più bello. Dobbiamo prendere i lati positivi: eravamo dei leoni, ci rincuoravamo l’uno con l’altro facendoci forza, ma abbiamo ancora tanto da dimostrare. Finora è girata un po’ male, non si deve mollare”. Domenica ci sarà la Reggina. «Sarà ancora più dura, loro vorranno vincere per riscattarsi e noi dobbiamo centrare il primo successo. Sono del parere che serva quella cattiveria che avete apprezzato con i giallorossi. Ad ogni modo sarà una storia nuova e nulla avrà a che a fare con i 90′ appena trascorsi. Un mio gol? L’importante è centrare la vittoria, ma non viviamo con l’ansia da prestazione”. Alla ripresa degli allenamenti non c’erano Magli e Ciancio fermati precauzionalmente dallo staff medico. Per Sperotto, invece, i tempi si allungano: ci vorrà quasi un mese. (Luigi Brasi)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts