Tutte 728×90
Tutte 728×90

Le società pagheranno gli straordinari alla Polizia. Ma la Lega non ci sta

Le società pagheranno gli straordinari alla Polizia. Ma la Lega non ci sta

Lunedì approvato un emandamento in Parlamento che sta facendo già discutere. Levata di scudi da parte dei club e del loro massimo rappresentante: “Dovremmo accollarci 25 milioni?”
polizia fuoristadio
Una sorpresa tutt’altro che gradita, anzi che preoccupa non poco. Ecco la reazione della Lega di Serie A, per bocca del suo presidente Maurizio Beretta, all’emendamento approvato lunedì, che prevede il pagamento da parte dei club calcistici degli straordinari delle forze dell’ordine impegnate negli stadi a tutela della sicurezza. “Il provvedimento così come è ci preoccupa molto, per la sua realtà e per il precedente che rischia di costituire – afferma a Radio 24 – Le società di calcio sono contribuenti significativi come tutti gli altri e penso che non sia facile stabilire cosa è ordinario e cosa straordinario, perché dipende dai modelli organizzativi. In più rischiano di pagare a piè di lista delle organizzazioni fatte con assoluta professionalità, ma da soggetti diversi da noi. L’1 o il 3% sono due realtà molto diverse, poi possiamo vedere cosa significa come impatto. Poi questo provvedimento è dedicato al calcio o agli eventi sportivi come è scritto nel testo dell’emendamento? Penso che ci siano tante cose su cui è necessario fare chiarezza. Spiace trovarsi questa sorpresa senza un minimo confronto e credo che questo sia un rammarico legittimo”. Il costo degli straordinari, ogni anno, è di 25 milioni di euro. “Venticinque milioni di euro sono per noi una cifra estremamente importante che certo non può essere imputata al calcio o allo sport in genere – sottolinea il numero uno della Lega di Serie A – Sono il fatturato di molte società di calcio e bisognerebbe avere chiaro il quadro e molte di queste società hanno bilanci in tensione. Con questa operazione rischiamo di scaricare oneri su realtà anche importanti che poi sono chiamate a competere all’estero, a fare una serie di attivita’, penalizzando cioè la competitività dei club italiani a livello internazionale. Ricordo che tutta la sicurezza all’interno degli stadi, che sono pubblici, è pagata dalle società direttamente con gli steward. Credo che si stia cercando di addossare un peso su alcune realtà che già ne sopportano una parte significativa. Se andiamo a guardare i numeri, sarà più facile capire di che grandezze stiamo parlando, poi abbiamo massimo rispetto del legislatore. Un confronto nel merito è indispensabile”.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts