Cosenza Calcio

Cosenza, come ti cambia la stagione. Ma per i catanzaresi la rivalità non c’era più…

Il derby di Coppa Italia finisce con i lupi che ululano al San Vito, mentre sui Tre Colli qualcuno ha provato ad ignorare i rossoblù senza riuscirci. Abiti da matrimonio, confetti e trenini nel settore ospiti dopo un corteo per le strade del capoluogo. Il 3-1 non è stato solo in campo…
trenino settore ospiti czParte del trenino inscenato dai supporter rossoblù al Ceravolo (foto mannarino)
Come ti cambia una stagione. Sì perché un derby non è mai una partita come le altre. Figurarsi Catanzaro-Cosenza. Gli UC ’73, il gruppo che da più trent’anni regge le redini del tifo nel capoluogo, aveva provato a mettere un punto ad una rivalità grande quanto la Calabria riempiendo domenica scorsa due pagine della loro fanzine con argomentazioni anche abbastanza articolate. “La storia della rivalità con i cosentini non ha più motivo di esistere” avevano scritto motivando il particolare pensiero con il racconto della “gita” all’ombra della Sila del 28 settembre. Una presa di posizione forte, rispettabile, ma sicuramente ardua da mettere in atto. Fatto sta che la folle stagione di Lega Pro ha offerto subito il secondo atto di un confronto infinito con una partita di Coppa Italia. Al Ceravolo c’erano poco più di mille persone, da lodare visto l’orario e il giorno prescelto, e la Curva Capraro ha passato i primi minuti di gioco sostenendo soltanto la squadra giallorossa, dimostrando coerenza alle idee che solo due giorni prima aveva divulgato. Passano in vantaggio, vengono raggiunti, poi succede qualcosa che forse non avevano messo in conto. Al 34′ del primo tempo entrano nel settore ospiti una cinquantina di ultras del Cosenza dopo un corteo di qualche chilometro a causa di un guasto al pullman. Alcuni sono vestiti con giacca e cravatta come se si presentassero ad un matrimonio e all’entrata vengono sequestrati perfino dei confetti… Contestualmente Sassano sigla il momentaneo 2-1. Blackout. Riavvolgiamo un attimo il nastro però. Cappellacci e Meluso lunedì incontrano Guarascio e di comune accordo i tre scelgono di non dare scossoni all’ambiente, di tornare sul mercato e di sfruttare il derby come prova generale del delicatissimo match con la Paganese di sabato. Sui Tre Colli Moriero decide invece di non convocare gli elementi di maggiore esperienza, di portare in panchina solo giovani della Berretti e di mandarne in campo altri tre. Passi per gli ultras che hanno optato per una scelta radicale, ma tanti tifosi comuni non ne comprendono il perché e iniziano a storcere il naso. Torniamo ad oggi, alle ore 15,37. La Capraro dà segni di cedimento: un coro ostile qua per marcare il territorio, un altro là per ribadire un presunto predominio nei confronti dei rivali. Nella ripresa quelle due pagine della fanzine “Mentalità UC” vanno a farsi benedire. L’unico bersaglio delle loro attenzioni diventano i cinquanta ragazzi che cantano e ballano nel settore ospiti. Pardon, la rivalità non era da ritenersi esaurita? Come se non bastasse Sassano incide il suo nome nella storia, firma il 3-1 e dipinge di rossoblù un tramonto bellissimo. Il trenino dei supporter dei Lupi che non credono ai loro occhi guardando il prato verde da dietro la porta, è la fotografia dell’attimo preciso in cui cambia la stagione del Cosenza. Sullo sfondo si staglia una contestazione violentissima verso Moriero, con Russotto che abbandona la tribuna perché beccato dal pubblico e con gli striscioni levati in segno di protesta. Finisce con la luna che spunta da uno dei tre colli lassù e con i Lupi che ululano al proprio branco. Stiamo tornando, sembrano dire, mentre una pietra vola da lontano colpendo il tetto di un bus. Sì, perché “la rivalità con i cosentini non ha più motivo di esistere”.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina