Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Juve Stabia: le pagelle

Cosenza-Juve Stabia: le pagelle

Prestazione al di sotto della sufficienza per quasi tutti gli interpreti rossoblù. Molto male Arrigoni, Caccetta non era in condizione, mentre Mosciaro ha fallito l’unica occasione.
mosciaro rig juvesMosciaro, sul suo voto incide l’errore dal dischetto che avrebbe valso l’1-1 (foto mannarino)
Non ci siamo, come non c’eravamo nelle altre uscite casalinghe dei rossoblù. Senza cinque calciatori che avrebbero giocato da titolari, il Cosenza perde in casa in malomodo contro la Juve Stabia. Non tanto nel punteggio, ma nel modo in cui è arrivato il ko. Male a centrocampo, male sulle fasce, discrete le prestazioni di Calderini e di Criaco, mentre a Cori non è arrivato un solo pallone giocabile. Se il passivo non è stato peggiore, grande merito va a Ravaglia che comunque ha qualche colpa sullo 0-1. Mosciaro, infine, ha sul groppone l’errore del rigore che poteva valere un punto.

RAVAGLIA VOTO 6.5: Colpevole sulla rete di Bombagi che tira da casa sua, si riscatta subito dopo con tre interventi miracolosi.
CIANCIO VOTO 5: Bruciato da Gammone nel primo tempo non fa nulla per raggiungere la sufficienza.
TEDESCHI VOTO 5.5: Permette a Di Carmine di salire in cielo ed armare di sponda il destro del compagno in occasione dello 0-1.
MAGLI VOTO 6: Di riffa o di raffa non si fa superare quasi mai dagli avversari, ma è poco preciso su alcuni disimpegni.
ZANINI VOTO 5: Soffre Vella oltre il dovuto e nelle rare azioni dei rossoblù non garantisce assistenza a Calderini.
ALESSANDRO VOTO 5: Dovrebbe crossare per la testa di Cori e non lo fa mai, né sfonda sulla destra se in una rara occasione nella ripresa.
ARRIGONI VOTO 4,5: Sembra non essere mai sceso in campo e quei pochi palloni che tocca li sbaglia. La sua stagione a Cosenza è una sfilza di insufficienze.
CACCETTA VOTO 5: I novanta minuti sono tutt’altra cosa. Da rivedere al meglio, si spera, tra un paio di settimane.
CRIACO VOTO 5,5: Ha tanta grinta e corre per due. In un centrocampo rattoppato, però, non può dare di più. Sbaglia qualche appoggio di troppo.
CALDERINI VOTO 6: L’unico del Cosenza che prova a fare qualcosa e a saltare l’uomo. Cappellacci lo toglie inspiegabilmente nella ripresa.
CORI VOTO 5.5: Si torna al discorso di sempre: cosa può fare se non gli arriva mai un cross? Quando gli arriva la sfera nel finale calcia alto dalla disperazione.
CAPPELLACCI (squalificato) VOTO 5: Schiera il 4-4-2 come a Matera, ma la Juve Stabia non assalta all’arma bianca e gioca in maniera più intelligente. La sconfitta è giusta, chissà le cinque assenze come sarebbe andata. Perché, infine, togliere Calderini?
Subentrati
SPEROTTO VOTO 5.5: Rientra in campo dopo diverse settimane, ma non dà propulsione sulla sinistra.
MOSCIARO VOTO 4.5: Entra e sbaglia il rigore del pareggio. Va recuperato dal punto di vista psicologio.
TORTOLANO VOTO 5: Più difficile sbagliare il tap-in come ha fatto lui che mandare dentro la respinta di Pisseri.

JUVE STABIA (4-3-3): Pisseri 7; Cancellotti 5.5, Romeo 6.5, Migliorini 6.5, Contessa 6.5; La Camera 6 (40′ st D’Ancora sv), Caserta 6, Bombagi 7; Vella 6 (12′ st Nicastro 6);, Di Carmine 6, Gammone 6.5 (23′ st Osei 6.5). A disp.: Fiory, Jefferson, Liotti, Ripa. All.: Pancaro 6.5
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts