Tutte 728×90
Tutte 728×90

Pallanuoto F., Imperia troppo forte per Cosenza. Finisce 11-3

Pallanuoto F., Imperia troppo forte per Cosenza. Finisce 11-3

La Tubisider in classifica ancora ferma al palo. Posterivo: “Non sono queste le partite da cui dobbiamo trarre i punti salvezza. Gare del genere però ci servono per crescere ulteriormente”.
blanca gil-attL’attaccante spagnola della Tubisider Cosenza Blanca Gil in azione (foto mannarino)
Una battuta d’arresto indolore per la Città di Cosenza Tubisider, uscita comunque a testa alta dall’impari confronto con la squadra Campione D’Italia della Mediterranea Imperia. La formazione guidata da Andrea Posterivo, davanti ad un pubblico numeroso e caloroso ha perso per 11-3 ma ha saputo fare degnamente la propria parte. Se l’obiettivo per questa partita era quello di fare bella figura, da questo punto di vista si può affermare che è stato centrato. La Città di Cosenza Tubisider ha retto bene per due tempi, trovando anche delle buone giocate, a volte vanificate in fase di conclusione per quel pizzico di emozione o nervosismo, dovuti al fatto di trovarsi davanti ad una signora formazione come la Mediterranea Imperia. Anche per questo è stato sprecato un tiro di rigore, che ha permesso alle ospiti di aggiudicarsi il primo parziale per 2-0, ma la reazione cosentina c’è stata, anche nella seconda frazione persa per 3-2. Nonostante il break di 4-0 subito nel terzo parziale, la squadra di casa non si è data mai per vinta, mai si è disunita e mai ha mollato, reagendo ancora nell’ultima frazione persa per 2-1. Non è certo da questo genere di partite che ci si possano aspettare punti, anche se ci si prova sempre, ma sono un buon viatico per fare bene contro avversarie di pari livello. Un plauso al di là di certi errori dovuti anche alla precipitazione, all’intera compagine cosentina, per l’impegno e la voglia di fare bene che in qualche frangente è stata controproducente. “Avremmo potuto fare ancora di più bella figura – ha commentato il tecnico della Città di Cosenza Tubisider, Andrea Posterivo – e indipendentemente dal risultato avevo chiesto alla squadra di giocare più tranquillamente e invece la partita è stata vissuta in maniera ancora più tesa pur sapendo che i punti non devono arrivare da queste partite che invece devono servirci per il nostro processo di crescita”. Esordio in serie A1 per Veronica De Cuia e Angela Manna e prima rete in campionato per il Centroboa Giusy Citino. Rigore parato dal portiere cosentino Divina Nigro.

Città di Cosenza Tubisider- Mediterranea Imperia 3-11
(0-2,2-3,0-4,1-2)
Città di Cosenza:
Nigro, Citino (1), Gallo, De Mari, Vitaliti, Gil Sorli, De Cuia, Nicolai, Arancini(1), Zaffina, Motta, D’Amico (1), Manna. Allenatore: Andrea Posterivo.
R.N. Imperia:
Gorlero, Ralat Nazario, Borriello (2), Tedesco, Stieber (3), Casanova (3), Pomeri, Motta (1), Emmolo (1), Bencardino (1), Drocco, Amoretti, Solaini. Allenatore: Marco Capanna.
Arbitri: Mario Bianchi e Alessia Ferri di Roma.
Note:
11 falli a favore Mediterranea Imperia, 6 falli a favore Città di Cosenza Tubisider. Uscita per limite falli D’Amico (Città di Cosenza Tubisider). Esordio in serie A1 per Manna e De Cuia della Città di Cosenza Tubisider.

Related posts