Cosenza Calcio

Lecce-Cosenza: le pagelle

Bene la difesa, a centrocampo buon primo tempo mentre nella ripresa soprattutto Caccetta ha pagato una condizione non ancora al top. In avanti squadra sterile.
magli su MoscardelliMagli cerca di contrastare Moscardelli che non ha combinato molto (foto michel caputo)
Da Lecce il Cosenza torna senza punti ma con la consapevolezza che la salvezza non è un miraggio. Bene la difesa a tre con Blondett perfetto fino all’errore sul gol di Sacilotto. In mezzo al campo buon filtro di Caccetta con Corsi che ha cercato di dargli una mano senza brillare per precisione nei passaggi. In avanti squadra sterile con Cori poco servito e Calderini che ha sulla coscienza un errore nel primo tempo che, a conti fatti, condanna i silani a tornare a mani vuote dal salento.
RAVAGLIA: VOTO 7. Attento, soprattutto sui traversoni tagliati di Mannini e Lopez. Parata difficilissima nel primo tempo su punizione di Moscardelli. Si esalta almeno in tre circostanze.
BLONDETT: VOTO 5,5. Lo dicevamo, con una difesa a tre lui può essere determinante. Ha gamba e quella duttilità che può portarlo a categorie superiori. Peccato che sul gol di Sacilotto si faccia rubare il tempo e il pallone.
MAGLI: VOTO 6. Bene sui movimenti soprattutto perché per la prima volta il Cosenza gioca con una difesa tre.
TEDESCHI: VOTO 6,5. Si mette al centro tra Blondett e Magli. Chiama le posizioni dei compagni e si dimostra un possibile nuovo leader di questa squadra.
ZANINI: VOTO 5,5. Soffre Mannini, del resto il cliente di turno è scomodo. Raramente prova a proporsi ma sembra più una volontà tecnica che non una “costrizione” degli avversari.
CIANCIO: VOTO 6,5. Gioca una gara tosta, gagliarda. Non è un ruolo che gli si addice però lo ricopre ottimamente. Soprattutto nel primo tempo ricopre il ruolo di laterale destra in maniera perfetta.
CACCETTA: VOTO 6. Prima da capitano. Non è ancora al top della condizione eppure in mezzo al campo la sua sagacia tattica e il suo temperamento sono oro in un momento in cui il Cosenza ha necessità di gente di personalità.
CORSI: VOTO 5,5. Si mette al fianco di Caccetta e gioca a due tocchi. Roba che a vederlo non sembra lui. Recupera tanti palloni e prova, a differenza delle altre volte, a verticalizzare con velocità per cercare i compagni del reparto avanzato. Peccato che la precisione non sia delle migliori.
ALESSANDRO: VOTO 5,5. Nel primo tempo serve e Calderini un pallone fantastico per portare i silani in vantaggio. A differenza delle altre gare agisce centralmente e in alcune circostanze non dispiace.
CALDERINI: VOTO 5,5. Palla gol nel primo tempo clamorosamente sbagliata. Gioca di prima e sfrutta gli spazi, chissà che non sia iniziata una nuova era. Nel secondo tempo ritorna il vecchio Elio che al Capp non garbava molto.
CORI: VOTO 5,5. Bisognerà lavorare molto su di lui. Il Cosenza non lo sfrutta come dovrebbe anche se, a differenza della squadra di Cappellacci, i compagni lo cercano di più. Da segnalare un grande lavoro in fase difensiva.

ALL. ROSELLI: VOTO 6. Non esaltiamoci troppo. Eppure la difesa a tre, una squadra che gioca a due tocchi nel primo tempo, Calderini che prova a dialogare di prima con i compagni possono e devono rappresentare una nuova era. A Lecce si è capito un concetto non di poco conto: l’allenatore conta e conta molto. Ora tocca al “Santo” dare nuova linfa a questa squadra.

Subentrati:
CRIACO: VOTO 6. Molto attivo e proposito. Da una sua palla rubata potrebbe nascere un pericolo ma i compagni non lo supportano.
FORNITO: VOTO 6. Prova a dare ritmo alle sue giocate. Raramente ci riesce.
MOSCIARO: VOTO SV. Troppo poco in campo per essere giudicato.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Mostra altro

Redazione Cosenza Channel

Cosenza Channel è una testata giornalista nata nel 2008 con l’idea di occuparsi principalmente delle notizie sul Cosenza Calcio. Il successo conseguito sin dai primi anni ha permesso alla testata di avviare una collaborazione televisiva per mandare in onda un format che parlasse di calcio, in particolare dei Lupi e poi delle altre squadre calabresi. La svolta arriva nel 2016, quando la redazione amplia i contenuti del portale d’informazione, pubblicando notizie di attualità. Il 5 settembre 2019 Cosenza Channel si trasforma completamente. Nuova grafica, contenuti esclusivi, con l’obiettivo di crescere e rendere un servizio informativo sempre più attendibile e di qualità.

Articoli correlati

Back to top button
error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it
Close

Adblock Rilevato

Supporta Cosenzachannel.it, disabilita il tuo Adblock per la nostra pagina