Tutte 728×90
Tutte 728×90

Meluso: “Non ho litigato con Guarascio, in passato solo qualche discussione”

Meluso: “Non ho litigato con Guarascio, in passato solo qualche discussione”

Il ds poi parla dei giorni caldi della contestazione della questione legata a Mosciaro: “Ha fatto la storia del Cosenza e merita il massimo rispetto. Capita però di trovare poco il campo e che il mercato offra la possibilità di giocare più altrove”.
guarascio e melusoIl presidente del Cosenza Calcio Guarascio con il direttore sportivo Meluso (foto mannarino)
Nell’intervista che il direttore sportivo Mauro Meluso ha rilasciato questa mattina al Garantista non ha parlato soltanto del mercato in entrata, ma si è soffermato anche su quello in uscita. In particolare, non si è tirato indietro davanti ad un domanda relativa a Manolo Mosciaro, passato dall’essere il capitano e il simbolo della squadra ad un calciatore in esubero. “Ha fatto tantissimo per il Cosenza. Continua ad essere un elemento importante, tanto che è il secondo marcatore di sempre. Merita rispetto. Nel calcio, però, succede che talvolta si trovi meno il campo e che il mercato offra la possibilità di giocare di più altrove. Da parte nostra c’è massima sincerità e professionalità nel trattare la vicenda”. Una dichiarazione che lascia aperte tutte le porte e che non mette la parola fine alla vicenda destinata a riempire pagine intere di giornale a gennaio. Proprio il mese che sta per cominciare ha segnato nelle stagioni scorse la rottura definitiva del rapporto tra Guarascio e i vecchi ds. Fu così con Fiore e con Marino, ora la storia sembra stia cambiando. Meluso non ha imboccato lo stesso sentiero, ma non nasconde di aver avuto col patron qualche piccola divergenza. “Abbiamo avuto vedute differenti, non litigi, ma in passato si è discusso – ha ammesso – C’è un buon rapporto, il presidente non mi ha imputato nulla sul mercato e sa perfettamente come funzionano le cose. La delusione nel primo scorcio di campionato era grande, ma anche da parte mia. Rispetto a lui, però, io sono un dirigente e la visuale è completamente diversa”. L’arrivo di Roselli ha rappresentato la svolta nel torneo del Cosenza che fino al cambio di allenatore annaspava nelle sabbie mobili della Prima divisione. “Cappellacci e Roselli sono entrambi molto bravi. Il primo ha avuto delle difficoltà, il secondo ci ha tolto le castagne dal fuoco e quindi lo ringrazio molto. Un bilancio lo faremo alla fine, fino a poche settimane fa eravamo malati gravemente, ma ora non siamo mica guariti. Sarebbe un errore a pensare il contrario”. Giorni duri quelli della contestazione. “Per la troppa passione c’è stata una parte di tifoseria che era preoccupata. La capisco e la comprendo, ma magari adesso avrà notato che le cose vanno meglio”. Chiusura dedicata al suo contratto: “Il calcio è cambiato e stipulare accordi pluriennali non è più al passo con i tempi. Per i rinnovi ne discuteremo ad aprile, specialmente di quelli dei calciatori”. (co. ch.)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts