Tutte 728×90
Tutte 728×90

Roselli: “Abbiamo sofferto ma vinto meritatamente”

Roselli: “Abbiamo sofferto ma vinto meritatamente”

Il tecnico del Cosenza analizza la gara: “Sapevamo che non sarebbe stata una gara facile. I tre punti ci danno più consapevolezza dei nostri mezzi”
roselli sotto curva melfiRoselli sotto la Bergamini a festeggiare i tre punti conquistati col Melfi (foto mannarino)
Un gol per tempo e la pratica Melfi viene risolta. Non senza fatica però. Una perla di Arrigoni su punizione e il ritorno al gol di Sasha Cori consentono ai silani di ritornare alla vittoria e rispondere al Messina che in mattinata aveva regolato il Savoia scavalcando momentaneamente in classifica proprio i rossoblu. A fine gara questo il commento del tecnico silano Giorgio Roselli. “Contro questi tipi di squadre si fa fatica. Sapevamo che dovevamo soffrire e lo abbiamo fatto coscienti di poter far male al momento opportuno. Il Melfi è una squadra che si conosce a memoria e i miei ragazzi sono riusciti a muoversi nella maniera giusta. Solo quando i tre nostri giocatori offensivi non rientravano andavamo in difficoltà. Nella ripartenze, però, siamo stati devastanti. Abbiamo sofferto ma vinto meritatamente. I tre punti ci danno più consapevolezza dei nostri mezzi”. Poi Roselli precisa. “I ragazzi devono saper correre e non sprecare energie. Quando riusciremo a fare questo vedrete che a beneficiarne saranno tutti”. Capitolo Calderini. “Per qualcuno a volte è nocivo. Io l’ho fatto giocare perché è un ragazzo che con me ha fatto grandi miglioramenti. Certo, deve migliorare su alcune cose e non solo tattiche. Le doti tecniche e tattiche non gli mancano ma può e deve ancora migliorare. Spero di aiutarlo a fargli fare il salto che merita”. Capitolo difesa inedita con Blondett e Sperotto al centro. “Pretendere che non ci fossero sbavature non era concepibile. Hanno giocato intelligentemente dimostrando di essere professionisti e utili alla causa”. Capitolo classifica. “Sapevamo di dover vincere. Nulla è deciso e sappiamo bene che dobbiamo lottare fino all’ultimo gara. Ora inizia una fase del calendario difficile in cui dovremo dare il massimo coscienti di quelli che siamo. Chiudere il girone di andata a 22 punti solo qualche mese fa sembrava impossibile. Invece…”. Poi su Fornito lasciato prima in panca e utilizzato nella ripresa. “Innanzitutto avevo intenzione di dare il giusto spazio a Corsi che si sta allenando bene e sta dimostrando grandi progressi. Ho parlato con Fornito, un ragazzo fantastico. Ha capito che giocare una gara in più o in meno non fa differenza se alla fine si fa il bene della squadra. Sono contento di allenatore questo gruppo”. Poi il tecnico si sofferma sul modulo. “Manchiamo nella fase di costruzione? Non si può pretendere dai nostri giocatori che esprimano un calcio da serie A. Anche se nella ripartenze oggi siamo stati fantastici. Ma forse ho visto un’altra gara”. (c. c.)

Related posts