Tutte 728×90
Tutte 728×90

Guarascio chiama i tifosi. Salernitana senza Pestrin

Guarascio chiama i tifosi. Salernitana senza Pestrin

Il presidente: “Serve una cornice di pubblico adeguata e al livello di un derby”. I granata è probabile che scendano in campo con un 3-4-3 molto offensivo.
guarascio sorrideIl presidente del Cosenza Eugenio Guarascio chiama il pubblico (foto mannarino)
”Domani è un altro derby che va in scena al San Vito e dobbiamo celebrarlo nel modo dovuto. Per questo ci vuole una cornice di pubblico adeguata e al livello appunto di un derby” così il Presidente del Cosenza, Eugenio Guarascio, in vista di Cosenza-Salernitana.”Quella contro la Salernitana – prosegue il Presidente – è una partita sentita ed avvertita come se fosse, appunto, uno dei derby con le altre squadre calabresi che quest’anno ci propone il girone C della Lega Pro. Una vecchia rivalità che domani deve trasformarsi in un sostegno forte e, come al solito, civile alla nostra squadra, che sta lentamente risalendo la classifica verso posizioni più tranquille. L’inizio del girone di ritorno ripropone questo antico duello sportivo contro i campani e io mi auguro che ci sia una cornice di pubblico adeguata, tale da far sentire ai nostri ragazzi il calore e il sostegno della nostra gente in una sfida che solo sulla carta appare proibitiva. Sono certo infatti che il mister Roselli saprà infondere ai nostri ragazzi la spinta, la grinta e la sapienza per una nuova impresa. Il resto lo dovrà fare il pubblico del San Vito”. La società ha reso noto che, in seguito a disposizioni relative a motivi di ordine pubblico, per l’incontro di calcio Cosenza-Salernitana  è stata disposta la chiusura al pubblico del settore TRIBUNA “RAO”. I titolari di abbonamenti e i possessori di biglietti per tale settore troveranno posto nella TRIBUNA ROSSA NORD “Francesco Bruno”.
QUI SALERNO. Manolo Pestrin non ce la fa, la Salernitana sarà ancora senza il suo capitano. A Caserta era assente per squalifica, ma l’ex ascolano non è riuscito a smaltire i fastidi al ginocchio accusati durante le vacanze natalizie e resterà a casa. I granata dovranno ancora fare a meno del loro faro a centrocampo, idem per quel che riguarda l’ex di turno Lanzaro, squalificato. Rientrano però Colombo e Trevisan. Menichini si gioca molto al San Vito: dopo il ko di Caserta, una nuova battuta d’arresto farebbe suonare più d’un campanello d’allarme. E col Benevento che non molla, la società spera di uscire indenne dal difficile campo calabrese. Per farlo, il trainer toscano punterà sul 3-4-3: dinanzi a Gori agiranno Bianchi, Trevisan e l’ultimo arrivato Antonio Bocchetti, prelevato a inizio settimana dalla Paganese. Le due ali di centrocampo saranno due terzini di ruolo, Colombo a destra e Franco a sinsitra, per assicurare la doppia fase nel migliore dei modi, con particolare attenzione a quella difensiva, mentre in mediana spazio a Bovo e Favasuli. Tridente offensivo senza punti di riferimento: Gabionetta, Nalini, Negro, Calil e Perrulli sono tutti calciatori rapidi e bravi tecnicamente, da questa rosa di cinque usciranno i tre titolari. Negro parte sfavorito perchè reduce da un delicato intervento di riduzione della frattura delle ossa della regione frontale del cranio. Calil e Perrulli sicuri del posto, Nalini e Gabionetta si giocano la terza maglia.
“Come nelle corde di questo campionato anche domani ci aspetta una gara difficile, dove incontreremo un avversario ostico che con l’avvento del tecnico Roselli ha perso una sola volta – ha detto Menichini prima della partenza per il ritiro prepartita – Ci siamo preparati per giocare una bella partita e dopo la sconfitta rocambolesca di Caserta abbiamo voglia di riscattarci e di iniziare bene il girone di ritorno. Non abbiamo sofferto moralmente la sconfitta di Caserta in quanto anche i ragazzi sono ben consapevoli che non meritavano di perdere. Ho ancora qualche dubbio da sciogliere ma in larga parte ho già deciso l’undici che andrà in campo. Il Cosenza è una squadra di categoria, ben costruita, con calciatori importanti in attacco come Cori, molto forte di testa, affiancato da Tortolano e Calderini, due ottimi giocatori. Una squadra ben assortita che anche in mezzo al campo unisce quantità e qualità. Gli attaccanti e le conclusioni da fuori dei centrocampisti potrebbero rappresentare i maggiori pericoli. E’ una partita in cui dobbiamo ricominciare innanzitutto a fare punti per riprendere la corsa che ci ha portati a terminare in testa il girone d’andata”.
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts