Tutte 728×90
Tutte 728×90

Statella: “Salvezza molto difficile, ma sono a Cosenza per il progetto”

Statella: “Salvezza molto difficile, ma sono a Cosenza per il progetto”

L’ultimo arrivato spiega: “E’ la prima volta che gioco nella mia terra, ma Guarascio e Meluso hanno in mente idee importanti per il futuro. L’importante adesso è salvarci”.
statella a stabiaCIGiuseppe Statella in occasione della sua prima partita in rossoblù in Coppa Italia
Giuseppe Statella sembra avere le idee chiare. Se si scende di categoria lo si fa soltanto per una motivazione: perché dall’altra parte c’è un progetto che viene reputato valido e da sposare. E’ il caso dell’ultimo arrivato in casa Cosenza che ha scelto di risolvere con sei mesi di anticipo il proprio legame con la Pro Vercelli e vestire il rossoblù per una nuova avventura. “Mi piacciono le sfide – ha detto – Sono stato colpito dal progetto del Cosenza e non ho avuto difficoltà ad accettare la Prima divisione lasciando la Serie B. La trattativa è stata abbastanza lunga, perché all’inizio erano soltanto delle voci di mercato e non si arrivava mai al dunque. Salvandoci quest’anno ci sono le basi per fare qualcosa di importante nel prossimo campionato ed è proprio ciò che mi ha convinto a dire di sì a Meluso quando è venuto a Catania”. L’esterno è nato a Melito Porto Salvo, ma vive a Bianco. “E’ la prima volta che gioco in Calabria, sono cresciuto calcisticamente nel Bari dove ho fatto tutta la trafila del settore giovanile e poi sono andato in giro per l’Italia”. Ha esordito a Castellammare di Stabia, poi la conferma ad Aprilia. “Inizio a conoscere meglio la squadra, ma c’è tutto il tempo per integrarmi definitivamente nel gruppo a livello tattico. L’allenamento settimanale mi servirà a conoscere meglio le caratteristiche dei miei compagni. E’ un gruppo che ha tutte le carte in regola per centrare una salvezza difficilissima. Ogni partita sarà dura come quella seguente: con la Lupa Roma abbiamo fatto fatica, mentre con una grande squadra come la Casertana possiamo fare meglio. C’è da dire una cosa: l’arbitro ha condizionato la partita di Aprilia. Nel primo tempo siamo scesi in campo con un atteggiamento così-così, nella ripresa invece abbiamo avuto un piglio differente ed abbiamo creato davvero tanto. Non siamo riusciti a pareggiare nonostante le diverse occasioni, ma è da quei 45′ che oggi siamo pomeriggio siamo ripartiti”. (Luca Sini)
CLICCA QUI PER IL NUOVO INDIRIZZO FACEBOOK DI COSENZACHANNEL. RICORDATI DI ATTIVARE LE NOTIFICHE!

Related posts